Widgets Magazine
01:31 12 Novembre 2019

Frode anti UE in Bulgaria, fondi agricoli comunitari usati per costruire seconde case

© Sputnik . Igor Onuchin
Economia
URL abbreviato
114
Seguici su

In Bulgaria le comunità agricole, dopo aver raggiunto la soglia permessa dei finanziamenti dall'Ue, hanno cercato di ottenere fraudolentemente fondi aggiuntivi. Lo riferisce il rapporto dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode, citato dal quotidiano bulgaro Investor.

Secondo gli autori del rapporto, le comunità creavano delle imprese indipendenti sulla carta, ma spesso registrate allo stesso indirizzo. Il danno derivante da tali sistemi fraudolenti per l'Ue ammonterebbe a quasi 10 milioni di euro.

In totale in Bulgaria sono stati controllati più di un migliaio di casi simili. In 27 di questi casi l'autorità giudiziaria ha dato disposizione ad eseguire dei provvedimenti sanzionatori.

Secondo i dati del quotidiano Investor, in 13 casi le autorità bulgare hanno eseguito i provvedimenti e solo una volta i coinvolti nel sistema fraudolento sono stati citati in giudizio.

Nella regione montuosa del Pirin due uomini saranno ascoltati nel tribunale dopo il tentativo di ottenere tramite frode fondi europei, con i quali presumibilimente avrebbero potuto costruire una serra temperata per coltivare dei pomodori.

Nel 2011 i due truffatori, nell'ambito dei bandi per lo sviluppo di territori rurali, hanno presentato domanda al Fondo agricolo bulgaro per ricevere più di un milione di lev (più di 500.000 euro) di sussidi. Durante questo periodo sono riusciti a ottenere 20.000 lev (poco più di 10.000 euro). È poi emerso che tutti i documenti allegati per la costruzione della serra non corrispondevao alla realtà.

In precedenza erano accaduti diversi scandali associati all'uso di fondi europei assegnati allo sviluppo rurale. È stato scoperto che alcuni beneficiari degli investimenti utilizzavano i soldi per costruirsi delle seconde case. Proprio dopo questo avvenimento sono stati intensificati i controlli in Bulgaria ed a far le spese dello scandalo scatenato dalle notizie diffuse dai media era stato Alexander Manolev, viceministro dell'Economia, costretto a dimettersi dall'incarico.

Correlati:

In Bulgaria trovati 75 kg di cocaina in mezzo a un carico di banane dall'Ecuador
Bulgaria: scoperto nuovo focolaio di peste suina africana
La Bulgaria ribadisce il no a Schengen per paura di un'invasione di migranti
Tags:
investimenti, UE, Bulgaria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik