11:17 09 Dicembre 2019
economia grafico

Cresce l'economia americana nel 2° trimestre, ma Trump vuole di più

© Fotolia / violetkaipa
Economia
URL abbreviato
111
Seguici su

L'economia americana non sembra sentire gli effetti della guerra commerciale e di dazi con la Cina, segnando una crescita del 2% nel secondo trimestre dell'anno.

L'economia americana è cresciuta nel secondo trimestre del 2%, in lieve rallentamento rispetto al +2,1% inizialmente stimato. Il dato è in linea con le previsioni degli analisti.

I consumatori fanno da traino dell'economia statunitense: le spese degli americani hanno fatto registrare un +4,7%, al di sopra delle previsioni degli analisti e diventando il rialzo più alto dal 2014. Anche gli utili delle imprese sono in crescita, saliti del 4,8%.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è convinto che l'economia nazionale avrebbe un enorme potenziale di crescita se la Federal Reserve perseguisse una politica monetaria espansiva con la riduzione del costo del denaro (taglio dei tassi d'interesse - ndr). 

"L'economia sta andando bene, con un enorme potenziale di crescita! Se la Fed facesse quello che dovrebbe fare, voleremo alla velocità di un razzo!", ha twittato Trump.

​Il presidente americano ha ripetutamente criticato la Fed per la sua politica monetaria che ostacolerebbe lo sviluppo dell'economia americana con un dollaro forte rispetto alle altre valute, in particolare euro e yuan cinese.

La riunione della Fed per decidere la politica monetaria da perseguire si svolgerà dal 17 al 18 settembre. Secondo CME Group, il 99,6% degli analisti ritiene che il costo del denaro sarà ridotto di 25 punti base rispetto all'attuale livello del 2-2,25%, mentre solo il restante 0,4% si aspetta un taglio di 50 punti base.

Tags:
Federal Reserve, Economia, PIL, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik