Widgets Magazine
19:43 22 Agosto 2019

Dal Senato USA primo sì alle sanzioni sul Nord Stream-2

© Foto: Nord Stream 2/Axel Schmidt
Economia
URL abbreviato
4219

La commissione Esteri del Senato statunitense ha votato a favore dell’introduzione delle sanzioni contro il gasdotto Nord Stream-2. Gli USA suppongono che la realizzazione del progetto renda più forte l’influenza economica della Russia in Europa.

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato le sanzioni contro il gasdotto Nord Stream-2 che collegherà la Russia alla rete europea, attraverso il mar Baltico e la Germania. Il disegno di legge è stato preparato dai senatori Ted Cruz (del Partito Repubblicano) e Jeanne Shaheen (dai democratici).

Secondo il disegno di legge, le restrizioni interesseranno le persone e le società coinvolte nella costruzione della parte offshore del gasdotto. Questo vale per coloro che noleggiano o forniscono supporto tecnico e garanzie assicurative alle navi impegnate nella posa dei tubi ad una profondità pari o superiore a 30 metri per la costruzione di Nord Stream-2.

Il documento prevede misure quali il congelamento dei beni e il divieto di ingresso negli Usa. Dopo l'approvazione del comitato per gli affari internazionali del Senato USA, il documento dovrà essere sottoposto al voto completo del Senato, quindi alla Camera dei rappresentanti, ed infine verrà inviato per la firma al presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Dopo la votazione il senatore Rand Paul ha inviato una lettera agli altri senatori in cui aveva notato che nella sua forma attuale il disegno di legge non danneggerà la Russia, ma gli alleati degli Stati Uniti in Europa.

La dipendenza dei paesi europei dal gas russo
© Sputnik .
La dipendenza dei paesi europei dal gas russo
In particolare, secondo Paul, ad essere colpite dalle nuove misure sarebbero la società svizzera Allseas, con interessi negli Stati Uniti e la società italiana Saipem. Inoltre, le sanzioni potrebbero interessare singoli e società con sede in Austria, Germania, Finlandia, Paesi Bassi, Svezia e Francia.

Nord Stream-2

Il progetto Nord Stream-2 prevede la costruzione di due rami di un gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno che unisce le coste russe con la Germania attraverso il Mar Baltico. Secondo le previsioni, l'opera verrà ultimata entro la fine dell'anno. L'Ucraina, che ha paura di perdere le entrate derivanti dal transito del gas russo, e diversi Paesi europei, tra cui Polonia, Lettonia e Lituania, nonché gli Stati Uniti desiderosi di vendere il loro gas naturale liquefatto alla Ue, si oppongono attivamente al progetto.

Da Mosca hanno ripetutamente affermato che il progetto Nord Stream-2 è di natura puramente commerciale e concorrenziale. L'amministratore delegato di Gazprom Alexey Miller, nella scorsa primavera aveva ribadito che la costruzione del gasdotto procede a pieno regime.

Correlati:

Preoccupazioni da assemblea parlamentare OSCE per gasdotti Nord Stream-2 e Turkish Stream
Esperto: Bruxelles non fermerà la costruzione del Nord Stream 2
Nord Stream 2, costruito già il 61,2% del gasdotto
Tags:
Nord Stream-2, USA, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik