Widgets Magazine
04:34 24 Agosto 2019
Il grattacielo Palazzo Lombardia a Milano

Confindustria: in Italia rallenta la crescita del PIL nel 2019

© flickr.com/ Niki-Photography
Economia
URL abbreviato
232

Secondo Confindustria la dinamica scarsa dell’industria italiana sta frenando la crescita del PIL nel 2019.

Il Centro studi di Confindustria ha comunicato che la dinamica dell’industria negli ultimi due mesi è scarsa e che la domanda interna fa fatica a rinvigorirsi, in particolar modo nel settore degli investimenti finanziari. La domanda estera invece risente fortemente di un contesto internazionale in rallentamento, in particolar modo in Europa. Tutti fattori che influiranno sulla bassa crescita del PIL italiano.

In particolare il Centro studi cita le preoccupazioni legate all’economia tedesca che sta vedendo un indebolimento graduale ma stabile con i mesi estivi che dovrebbero rivelarsi anche più deboli.

Infatti, secondo Confindustria, l’indice di fiducia delle imprese in Germania continua a “diminuire per il quarto mese di fila a luglio, scendendo al minimo da sette anni”. 

​Si teme una possibile recessione dell’economia tedesca che potrebbe gravemente affliggere quella italiana a causa delle strette relazioni tra i due settori manifatturieri, in particolare nell’automotive.

L’indagine del Centro Studi conclude affermando che “per l'intero 2019 difficilmente si potrà andare oltre una crescita dello 0,1% (del PIL) sul 2018.

La diminuzione della produzione industriale in Italia

Il Centro studi di Confindustria ha rilevato una “diminuzione della produzione industriale dello 0,6% nei mesi tra giugno e luglio, e un incremento dello 0,3 su maggio”. In generale nel secondo trimestre del 2019 “l’attività diminuisce dello 0,6% e sul primo e nel terzo trimestre l'acquisito è di -0,1%”.

A.N.

Correlati:

Giacimento di Zohr, grande potenziale per l'industria italiana
Esperto: l’UE vuole la fine dell’industria baltica
"Industria difesa europea non può competere con gli USA finchè Europa dipende da NATO"
Tags:
indagine, Indagine
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik