12:32 14 Novembre 2019
Dollars

Teheran: un boomerang contro il dollaro le sanzioni Usa contro nostro petrolio

CC0
Economia
URL abbreviato
L'escalation delle tensioni tra USA e Iran (71)
5280
Seguici su

Allo stesso tempo il ministro degli Esteri Javad Zarif ha affermato che l'Iran continuerà a superare qualsiasi difficoltà "saggiamente e mantenendo il senso di autostima".

L'Iran troverà soluzioni alternative per proseguire le forniture del suo petrolio nel mercato mondiale, gli Stati Uniti fanno troppo affidamento al potere del dollaro. Questa dichiarazione è stata data dal ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif in un'intervista concessa oggi alla Cnn.

Al capo della diplomazia iraniana è stato chiesto cosa avrebbe fatto Teheran, in considerazione del fatto che gli Stati Uniti, mediante le sanzioni, sono in grado di azzerare le esportazioni del petrolio iraniano.

"Suscita rammarico per l'Iran e la comunità internazionale come gli Stati Uniti possano esortare i principali attori globali a giocare con le regole americane contro il diritto internazionale e a scapito dei propri interessi", ha osservato Zarif.

"Continueremo a vendere il nostro petrolio, i volumi di produzione sono diminuiti, ma troveremo dei modi per normalizzare la situazione: come vedete da noi il mercato valutario si è stabilizzato dopo un anno di fluttuazioni, la situazione sta migliorando", ha detto il ministro. Ha promesso che l'Iran continuerà a superare qualsiasi difficoltà "saggiamente e mantenendo il senso di autostima". 

i sistemi d’arma antiaereo S-400 Triumf
© Sputnik . Ministry of Defence of the Russian Federation

Zarif ha confutato la tesi secondo cui gli Stati Uniti grazie alle sanzioni economiche hanno messo Teheran in un angolo. "No, credo che gli Stati Uniti, alla luce dei propri errori, abbiano ritenuto necessario porre eccessiva enfasi al proprio potere economico con l'obiettivo di trasformare l'intervento americano in un'arma", ha dichiarato il capo della diplomazia iraniana, che ha valutato le sanzioni di Washington "negativamente nel medio, mentre nel lungo periodo comprometteranno la posizione dominante del dollaro statunitense nell'economia globale".

"Molti Paesi, compresi gli alleati degli Stati Uniti, si allontanano sempre più dal dollaro e passano alle valute nazionali. L'anno scorso l'Iran e la Turchia hanno usato le loro monete nel 35% di tutti gli scambi commerciali. Altri paesi fanno lo stesso, Cina e Russia hanno deciso di rinunciare al dollaro nelle transazioni bilaterali", - ha dichiarato Zarif.

Tema:
L'escalation delle tensioni tra USA e Iran (71)
Tags:
Javad Zarif, Sanzioni, Petrolio, dollaro, USA, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik