Widgets Magazine
17:58 22 Ottobre 2019
Logo di Libra, nuova criptovaluta di Facebook

Libra: analisi di tutti i rischi della criptovaluta di Facebook all'attenzione del G7

© REUTERS / DADO RUVIC
Economia
URL abbreviato
103
Seguici su

I rischi associati alla diffusione della criptovaluta, tra cui Libra di Facebook, e i modi per ridurli al minimo saranno discussi dai ministri delle Finanze del G7 giovedì.

Alla riunione dei ministri delle Finanze del G7, che si terrà giovedì sotto la presidenza francese, si discuteranno i rischi associati alla diffusione della criptovaluta, tra cui Libra di Facebook, e i modi per ridurli al minimo. Lo ha dichiarato oggi al Corriere della Sera il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire.

"Dobbiamo valutare quanti dati si accumulano, determinare i rischi del finanziamento del terrorismo e del riciclaggio di denaro, il rischio di destabilizzare le valute nazionali [con l'introduzione delle criptovalute]. Libra non dovrebbe essere trasformata in una moneta sovrana. Stiamo seguendo da vicino questo progetto di Facebook" ha detto il ministro.

Un mese fa, Facebook ha annunciato l’intenzione di mettere in circolazione la propria criptovaluta Libra nel 2020. Secondo la compagnia, il trasferimento della moneta digitale sarà facile come "inviare un SMS sul telefono". Il funzionamento della nuova valuta sarà basato sulla tecnologia blockchain.

Un certo numero di grandi società statunitensi, tra cui Visa, Mastercard, PayPal e Uber, intende investire 10 milioni di dollari nella creazione di un consorzio per la gestione di Libra. Allo stesso tempo, diversi capi di stato, tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, e banche nazionali hanno espresso il timore che questa forma di operazioni finanziarie possa giovare alla criminalità.

Correlati:

La Francia discute sistema legislativo e fiscale chiaro per le criptovalute
Congresso Usa ostacola la criptovaluta di Facebook
La Cina non vuole perdere criptovalute
Tags:
G7, Terrorismo, Economia, Facebook, criptovaluta, Bruno Le Maire
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik