Widgets Magazine
15:42 24 Agosto 2019
Il presidente russo Vladimir Putin conferisce al presidente cinese Xi Jinping  il titolo di dottore onorario dell'Università Statale di San Pietroburgo

Handelsblatt: Europa tra martello e incudine per colpa della politica commerciale di Trump

© Sputnik . Grigory Sysoev
Economia
URL abbreviato
370

Con la sua politica commerciale Trump è lui stesso il colpevole dell’alleanza tra Russia e Cina. A soffrirci sono le aziende europee che si sono ritrovate tra il martello e l’incudine: risentono sia della politica delle sanzioni di Trump che dei rapporti sino-russi.

Dello sviluppo della collaborazione tra Mosca e Pechino in parte è Trump stesso il colpevole per via della sua politica commerciale.

Secondo il giornale tedesco Handelsbatt, infatti, la politica di massima pressione con attuazione di sanzioni e dazi porta al risultato che gli stati che il presidente USA vorrebbe mettere in ginocchio si allontanano da lui e stringono alleanze. È proprio quello che si può osservare ora a San Pietroburgo, dove Vladimir Putin accoglie solennemente la visita del presidente cinese Xi Jinping.

La partnership globale e la collaborazione strategica di Putin e Xi sono la compensazione della politica estera di Trump. Washington vieta e vuole portare anche gli altri paesi a rinunciare alla collaborazione con Huawei e contemporaneamente il più grosso operatore mobile russo MTS progetta di estendere la propria rete 5G insieme all’azienda cinese.

Inoltre le società energetiche della Cina investono miliardi nei progetti russi legati al gas liquefatto. E questo non solo garantisce la fornitura di gas al paese, ma permette anche ai cinesi di ostacolare, grazie agli enormi investimenti alle aziende vicine al Cremlino, la strategia di Trump, che vorrebbe vendere il gas americano in tutto il mondo.

Handelsbatt conclude che la situazione sui fronti, dove da una parte ci sono gli Stati Uniti e dall’altra si schierano Russia e Cina, diventa sempre più tesa e tra i due fronti si trovano la politica e le aziende tedesche.

Vladimir Putin allo SPIEF 2017
© Sputnik . Алексей Дружинин

La Commissione Europea e il Governo federale vogliono che le imprese tedesche comprino più gas liquefatto dagli USA e sperano così di evitare l’imposizione di dazi sulle automobili europee. Ma in Germania molti distributori di energia sono strettamente legati a Gazprom e sono grossi clienti (se non investitori) del progetto del gasdotto Nord Stream 2.

“Queste aziende si sono ritrovate tra il martello e l’incudine: sentono gli effetti sia della politica delle sanzioni di Trump che degli abbracci sino-russi”, conclude l’autore dell’articolo.

Correlati:

Putin: la Russia non creerà un’alleanza militare con la Cina
NATO: osserviamo molto attentamente Russia e Cina in Europa
Trump accusa Russia, Cina e India di inquinare il pianeta
Tags:
Huawei, Nord Stream 2, guerra commerciale, USA, Russia-UE, Russia, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik