03:22 01 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
204
Seguici su

Il volo e il soggiorno di un mese sulla Stazione spaziale internazionale potrebbero costare per un turista privato più di 59 milioni di dollari, così ha dichiarato venerdì in una conferenza il direttore finanziario della NASA Jeff DeWit.

La NASA venerdì ha ufficialmente esteso lo sfruttamento della ISS da parte di società commerciali e, in particolare, ha annunciato l’apertura della stazione orbitale a turismo, produzione e marketing spaziali. Dal 2020 l’agenzia prevede di inviare annualmente sulla stazione due brevi missioni turistiche.

“Al momento paghiamo circa 80 milioni di dollari per ogni nostro astronauta ogni viaggio… (Con il ripristino dei viaggi sulle navicelle americane) il prezzo scenderà a 58 milioni di dollari. Teoricamente questo sarà anche quello che pagheranno i turisti per arrivare sull’ISS”, ha affermato il rappresentante della NASA.

Tuttavia, ha precisato che il prezzo esatto sarà stabilito dalla società proprietaria della navicella spaziale.

DeWit ha aggiunto che invece il soggiorno in orbita, compreso di cibo e impiego dei sistemi di approvvigionamento, sarà pagato dal turista alla NASA. “In parole povere saranno 35.000 dollari a notte (circa 1 milione al mese)”, ha stimato.

Dall’agenzia spaziale hanno chiarito che al momento non si prevede il coinvolgimento dei turisti nelle operazioni di assistenza tecnica all’interno dell’ISS. Tali attività rimarranno prerogativa dell’equipaggio.

Correlati:

NASA: primi risultati dello studio di un pianeta “piatto”
NASA: prima donna sulla Luna entro il 2024
Scelto dalla NASA il miglior alloggio su Marte: è la capsula MARSHA (VIDEO)
Tags:
Turismo nello spazio, ISS, NASA, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook