16:58 14 Dicembre 2019

Russia, MTS e Huawei stringono accordo per lo sviluppo della rete 5G

© REUTERS / Dado Ruvic
Economia
URL abbreviato
Reti della quinta generazione (5G) (14)
190
Seguici su

Il principale operatore mobile russo MTS e il produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazione Huawei hanno firmato un accordo sullo sviluppo della rete 5G in Russia.

La firma dell’accordo è avvenuta al Cremlino alla presenza del presidente russo Vladimir Putin e del presidente cinese Xi Jinping, alla vigilia dell’apertura del Forum economico internazionale di San Pietroburgo SPIEF 2019.

"Oggi, con la firma dell'accordo per lo sviluppo della rete 5G, la nostra partnership raggiunge un nuovo livello: non diamo solo slancio alla cooperazione strategica delle due aziende high-tech, creando le basi per l'uso commerciale delle reti 5G in Russia nel prossimo futuro, ma contribuiamo anche all'ulteriore sviluppo delle relazioni economiche tra Russia e Cina", ha detto il presidente di MTS Alexei Corney.

© Sputnik . Vitaly Podvitsky

Entrambe le aziende, come parte dell'accordo, svilupperanno un piano d'azione per il biennio 2019-2020 volto a sviluppare la rete mobile 5G e Internet of Things (IoT) sulla rete MTS esistente.

"Il fatto che il presidente della Russia e il presidente del PRC fossero presenti alla cerimonia dimostra ancora una volta quanto siano importanti i partenariati tecnologici per la Russia e la Cina. Huawei ha una vasta esperienza nello sviluppo di reti di quinta generazione, guidando la corsa verso questa tecnologia con 16.000 brevetti nel campo del 5G.... Speriamo che i nostri sforzi congiunti con MTS avvicinino l'era del 5G in Russia", ha commentato il CEO di Huawei Guo Ping.

Tema:
Reti della quinta generazione (5G) (14)

Correlati:

USA spiegano ad altri Paesi i rischi legati dall'uso dei prodotti Huawei
CEO di Huawei contrario a contromisure nei confronti di Apple
Huawei querela gli USA: la black list è anticostituzionale
Tags:
Accordo, Tecnologia, comunicazione, Huawei, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik