Widgets Magazine
08:41 15 Ottobre 2019
Il presidente statunitense Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping

Guerra commerciale USA-Cina: ecco quanto ci costa

© REUTERS / Carlos Barria
Economia
URL abbreviato
0 14
Seguici su

Il prodotto interno lordo mondiale nel 2021 potrebbe crollare di 600 miliardi di dollari se la guerra commerciale tra USA e Cina porterà a una crescita dei dazi fino a comprendere tutto il mercato sino-statunitense.

Gli economisti di Bloomerg Dan Hanson e Tom Orlik hanno calcolato il danno all’economia mondiale causato dalla guerra commerciale tra USA e Cina.

Secondo gli esperti, se la guerra commerciale tra USA e Cina porterà a una crescita dei dazi fino a comprendere tutto il mercato sino-statunitense, nel 2021 il PIL mondiale potrebbe crollare di 600 miliardi di dollari.

Ma anche se la guerra commerciale non continuasse l’economia dei due paesi tra due anni avrebbe un rallentamento rispettivamente di 0,2% e 0,5% che porterebbe a sua volta a un rallentamento della crescita del PIL mondiale.

La guerra commerciale tra USA e Cina è in corso da luglio 2018, quando entrambi i paesi hanno introdotto un aumento dei dazi per le reciproche importazioni. Gli Stati Uniti hanno introdotto dazi del 25% sull’importazione di 818 prodotti cinesi per un valore totale di 34 miliardi di dollari all’anno. La Cina ha quindi preso le relative contromisure.

Più tardi, a inizio dicembre 2018, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping si sono incontrati in Argentina e hanno deciso di prendere, nel giro di tre mesi, misure finalizzate a stringere un accordo commerciale. Il leader americano si è impegnato a non aumentare i dazi dal 1 gennaio 2019. Il periodo destinato alla realizzazione dell’accordo commerciale è scaduto il 1 marzo.

Le trattative tra Washington e Pechino stavano andando bene e Trump si era detto pronto a prolungare l’accordo, fino a che l’11 maggio la Casa Bianca ha ordinato di imporre dazi sui prodotti cinesi per ulteriori 300 miliardi di dollari. Il rappresentante americano alle trattative commerciali Robert Lighthizer ha spiegato che questa somma è la stima della restante merce importata dalla Cina.

Pechino ha risposto con l’introduzione di dazi dal 5% al 25% sulla merce importata dagli Stati Uniti per un valore di 60 miliardi di dollari. Le nuove condizioni entreranno in vigore il 1 giugno.

Correlati:

Pechino rivela le sue intenzioni se continuerà la guerra commerciale con gli USA
Xi Jinping annuncia risultati positivi di consultazioni USA-Cina su guerra commerciale
Guerra commerciale USA-Cina, mossa distensiva di Pechino
Tags:
Economia, PIL, PIL, dazi, guerra commerciale, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik