Widgets Magazine
15:15 18 Settembre 2019

Cambia il vento, Enel inizia i lavori della prima centrale eolica in Russia

© Foto : Enel
Economia
URL abbreviato
3250
Seguici su

Enel Russia ha iniziato i lavori di costruzione della sua prima centrale eolica in Russia, ad Azov, nella regione di Rostov sul Don: sarà completata entro fine 2020 ed avrà una potenza di 90 MW.

Il progetto prevede un investimento di 132 milioni di euro ed è condotto da Enel Green Energy, la divisione del gruppo Enel che si occupa dello sviluppo di impianti che ricavano energia da fonti rinnovabili. Quella di Azov sarà la prima centrale ad energie rinnovabili del gruppo Enel in Russia.

Alla cerimonia di posa della prima pietra hanno preso parte Carlo Palasciano Villamagna, direttore generale di Enel Russia, il governatore della regione di Rostov Vasiliy Golubyov e l'ambasciatore italiano in Russia Pasquale Terracciano.

"Oggi siamo tutti testimoni di un evento storico sia per Enel Russia, sia per tutto il settore delle energie rinnovabili in Russia. La centrale eolica di Azov aumenterà l'importanza di tutta la regione di Rostov nella strategia di sviluppo delle energie rinnovabili in Russia, e permetterà lo sviluppo di un ciclo economico fondato sulla produzione pulita, a livello locale e nazionale", ha detto Carlo Palasciano Villamagna, direttore generale di Enel Russia.


Посмотреть эту публикацию в Instagram

Публикация от Enel Russia (@enelrussia)


Le foto della cerimonia di inaugurazione dalla pagina Instagram di Enel Russia

La regione di Rostov sul Don è il secondo fornitore di prodotti agricoli sul mercato russo, in particolare di grano e frumento, ed è sede di un distretto industriale specializzato nel settore delle macchine agricole:

"Per il nostro partner italiano cercheremo di creare il clima ideale, affinchè il percorso di realizzazione del progetto sia positivo e produttivo", ha detto il governatore della regione di Rostov sul Don, Vasiliy Golubyov.

Anche l'ambasciatore d'Italia in Russia, Pasquale Terracciano, ha sottolineato l'importanza di questa giornata nel contesto del nuovo scenario delle relazioni economiche fra i due paesi:

"Oggi è una grande giornata e questo evento è un magnifico esempio di come l'Italia possa contribuire al passaggio della Russia a fonti di energia pulita, grazie alle sue tecnologie ed al suo know-how. Enel è uno dei principali investitori italiani in Russia e la fattiva collaborazione portata avanti con le autorità della regione di Rostov sul Don, sarà sicuramente di stimolo anche per le altre imprese italiane che volessero investire nella regione."

La centrale eolica di Azov entrerà in funzione nel secondo semestre del 2020 ed a pieno regime potrà generare circa 320 GWh di energia pulita all'anno, risparmiando l'emissione di 260 000 tonnellate di anidride carbonica nell'atmosfera. Il progetto comprende 26 turbine su una superficie di 133 ettari.

Enel Russia ha ricevuto la commessa per costruire anche una seconda centrale eolica in Russia, nella regione di Murmansk, della potenza di 201 MW. Questo progetto, sempre curato da Enel Green Power, prevede un ulteriore investimento di 237 milioni di euro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik