05:35 25 Maggio 2019
Lavoro

I manager delle grandi aziende mondiali continuano a cambiare lavoro

© Fotolia / Ihar Ulashchyk
Economia
URL abbreviato
0 20

Il ricambio del personale tra i leader delle aziende di tutto il mondo nel 2018 ha raggiunto un livello da record. Lo dice una ricerca di Strategy&.

Sono stati analizzati i dati di 2500 grandi aziende pubbliche mondiali negli ultimi 19 anni. Nel 2018 il turnover del personale ha raggiunto il 17,5%, valore di 3 punti superiore a quello dell’anno prima e il più alto dell’ultimo decennio.

In Australia, Chile e Polonia questo valore è ancora più alto ed è pari al 21,9%. In Brasile, Russia e India al 21,6%, nell’Europa occidentale al 19,8%, nell’America del Nord al 14,7%, all'ultimo posto della classifica.

In media i manager hanno lavorato nella stessa azienda per 5 anni. Il ricambio del personale è più frequente nelle aziende che si occupano di comunicazione (con un turnover  del 24,5%), seguite da quelle attive nel settore primario (22,3%) e petrolifero-energetico (19,7%). Il personale più leale al datore di lavoro, invece, è quello della sanità (11,6%).

Il motivo più frequente per il quale i manager perdono il lavoro è la violazione delle norme etiche e morali. Questa è la ragione del 39% dei licenziamenti tra i manager delle aziende: 1,5 volte di più che l’anno precedente (26%). Nel 2018 per la prima volta la violazione delle norme etiche e morali ha superato in frequenza il licenziamento a causa dei parametri finanziari non soddisfacenti (35% dei casi). Inoltre è diminuita significativamente (dal 25% al 13%) la quantità di manager dimessi per via di disaccordi con gli altri direttori. Il 12% dei licenziamenti è dovuto ad altre ragioni.

Correlati:

La festa del lavoro... certo, per chi ce l’ha
La manifestazione per la Festa dei lavoratori a Caracas
Facebook blocca account di un top-manager di Rossiya Segodnya
Tags:
Ricerca, Lavoro
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik