08:37 27 Giugno 2019

Maduro: libereremo il Venezuela dal dollaro

© AFP 2019 / Mauro Pimentel
Economia
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (407)
1151

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro mercoledì ha detto che il suo paese si libererà dalla moneta americana, anche se recentemente le autorità finanziarie del paese avevano al contrario liberalizzato quasi totalmente la sua circolazione.

“Ci stiamo liberando dalle funi [che ci tengono legati, ndr], dai ricatti, dal dollaro come meccanismo finanziario. Si sta svolgendo un processo storico grandioso, in cui il popolo dice al mondo: sì, possiamo produrre, vivere, funzionare senza il dollaro e senza il sistema finanziario gringo”, ha detto Maduro in diretta televisiva nazionale.

Secondo le sue parole questo sarebbe il “processo di liberazione nazionale”.

“L’impero (USA) ci tiene bloccati, ci minaccia, ci perseguita economicamente e finanziariamente per colonizzarci. Ma non sono riusciti e non riusciranno a farlo, perché noi stiamo attraversando il processo di liberazione nazionale, ci stiamo liberando dalle funi, dai ricatti, dalle persecuzioni, dall’assedio, stiamo rendendo il nostro paese più libero, più indipendente, in grado di seguire il suo proprio percorso, pensare con la propria testa e fare le cose con le proprie mani”, ha detto Maduro.

Proprio il 6 maggio in Venezuela è stata introdotta la compravendita completamente libera delle valute estere nelle banche commerciali, come confermato da un documento pubblicato sul sito della Banca Centrale del paese.

Prima di questo, dal 2003 le valute estere erano severamente controllate dallo stato e le operazioni in valuta di fatto erano vietate. Ciò ha portato alla formazione di un ampio mercato nero della valuta, dove il dollaro costava 10 volte di più di quanto stabilito dal cambio ufficiale. Solo ad agosto 2018 le autorità hanno liberalizzato il dollaro, lasciando però il tasso di cambio DICOM, che solo negli ultimi mesi si è avvicinato e ha addirittura superato quello del mercato nero.

Ora, secondo quanto scritto nel documento della Banca Centrale firmato dal vice presidente Sohail Hernández, ogni banca commerciale ha il diritto di vendere e comprare la valuta ai cittadini stabilendo il proprio tasso di cambio.

Nel documento non è neanche citato il tasso DICOM. Inoltre una volta al giorno le banche saranno obbligate a comunicare alla Banca Centrale i propri tassi di cambio medi sulla base dei quali la Banca Centrale calcolerà e pubblicherà i propri tassi di cambio.

Di fatto, nel giro degli ultimi mesi, è avvenuta la dollarizzazione dell’economia venezuelana. A partire dal momento della legalizzazione ufficiale della circolazione delle valute estere i dollari hanno gradualmente cominciato a essere accettati negli hotel, nei ristoranti e nei negozi, anche considerando la quasi totale assenza di Bolivar venezuelani nel paese.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (407)

Correlati:

Maduro: USA hanno bisogno delle risorse naturali del Venezuela
Salvini contro Maduro: quando neanche i ‘sovranisti’ capiscono il sovranismo
Maduro chiede all'esercito di tenersi pronto a difendere il Venezuela dagli USA
Tags:
Nicolas Maduro, USA, dollaro, Situazione in Venezuela, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik