Widgets Magazine
07:38 26 Agosto 2019
Donald Trump

WSJ: gli Stati Uniti non volevano annullare le eccezioni alle sanzioni all'Iran

© REUTERS / Jorge Silva
Economia
URL abbreviato
1010

La decisione, parte della strategia dell’amministrazione di Trump per portare a zero l’export di petrolio iraniano, ha sorpreso gli acquirenti quanto gli altri attori del mercato, riporta The Wall Street Journal.

Trump ha rifiutato di prolungare le eccezioni temporanee che permettevano l’acquisto di petrolio dall’Iran da parte di una serie di paesi. Questa decisione ha colto i paesi interessati di sorpresa, in quanto prima gli Stati Uniti si attenevano a una posizione del tutto opposta. Lo ha comunicato lunedì il giornale The Wall Street Journal.

Il giornale sottolinea che l’amministrazione di Donald Trump ha sorpreso la comunità mondiale con la sua decisione di non fare più eccezioni alle stanzioni sull’esportazione di petrolio dall’Iran.

“Un passo che fa parte della strategia dell’amministrazione Trump per ridurre a zero le esportazioni [di petrolio] dall’Iran e che ha sorpreso sia gli acquirenti che gli altri [attori del mercato], che nelle ultime settimane avevano ricevuto notizie sull’intenzione [delle autorità americane] di prolungare le eccezioni”, riporta l’articolo.

Lunedì il Segretario di Stato Mike Pompeo ha dichiarato che gli Stati Uniti a partire dall’inizio di maggio non prevedono alcun periodo di eccezioni per i paesi interessati, che soffriranno quindi gli effetti delle sanzioni americane sull’acquisto del petrolio iraniano.

La portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders aveva precedentemente dato notizia della decisione di Trump di non estendere ad altri paesi le eccezioni dalle sanzioni sull’acquistio di petrolio iraniano a partire dal 1 maggio. Allo stesso tempo gli Stati Uniti promettono che non ammetteranno alcun deficit di petrolio sul mercato mondiale.

Lo scorso novembre gli Stati Uniti avevano deciso in via eccezionale di interrompere le sanzioni per 180 giorni per otto paesi e territori che importano idrocarburi dall’Iran per evitare l’aumento dei prezzi sul petrolio nel mondo e dare loro il tempo di cercare opzioni alternative. Secondo le informazioni del The Washington Post, tre di questi paesi hanno già ridotto a zero le importazioni del petrolio iraniano: la Grecia, l’Italia e la provincia cinese di Taiwan.

Correlati:

Nonostante le sanzioni USA Venezuela ha esportato 1 milione di barili di petrolio a marzo
Ministero degli Esteri parla dei tentativi USA di spaventare la Russia con nuove sanzioni
Teheran minaccia di chiudere lo Stretto di Hormuz per le sanzioni USA
Tags:
Iran, Sarah Sanders, Mercato del petrolio, Petrolio, Petrolio, Sanzioni Iran, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik