Widgets Magazine
23:22 20 Ottobre 2019
Petrobras sede

Un satellite italiano monitora giacimenti di petrolio in acque brasiliane

Tânia Rêgo/Agência Brasil
Economia
URL abbreviato
0 31
Seguici su

La società petrolifera brasiliana Petrobras ha concluso un contratto con Leonardo SpA, azienda attiva nei settori della difesa, dell’areospazio e della sicurezza. La finalità del contratto è il monitoraggio delle piattaforme di trivellazione petrolifera nel giacimento Bacia de Campos, nello stato di Rio de Janeiro.

Il contratto è stato sottoscritto con la società affiliata locale di Leonardo, ovvero Telespazio Brasil, dopo che si è tenuto l’appalto. Il contratto prevede, secondo una dichiarazione inviata a Sputnik Brasil dalla società Petrobras, “la fornitura di servizi di riprese radar ad apertura sintetica (SAR)”. L’obiettivo è evidenziare eventuali fuoriuscite di petrolio nella regione.

Il contratto è stato ben accolto dall’ecologo ed oceanografo David Zee in un’intervista rilasciata a Sputnik Brasil:

“È una decisione molto interessante che conferisce trasparenza ai dati relativi alle fuoriuscite di petrolio”, sottolinea l’esperto. “Chiaramente la parte maggiormente interessata è Petrobras, ma a mio avviso è fondamentale che la società abbia presentato queste informazioni in tempo reale cosicché anche i cittadini potessero esserne al corrente”.

Stando alla società petrolifera brasiliana i servizi di monitoraggio oceanico volti a supportare l’attività di prospezione geologica e di estrazione sono cominciati a fine febbraio e verranno forniti per un totale di 474 giorni. Telespazio Brasil, che già opera nel Paese in comparti come i collegamenti satellitari e il monitoraggio dell’Amazzonia, si occuperà del monitoraggio di più di 50 piattaforme petrolifere della società e di altre zone critiche utilizzando i satelliti COSMO-SkyMed. Il contratto prevede anche la fornitura di servizi tecnici specializzati 24 ore su 24.

David Zee considera questo monitoraggio fondamentale per controllare e limitare eventuali fuoriuscite nel territorio considerato.

“È molto importante poiché nei primi giorni di fuoriuscita si perde circa il 30% delle sostanze volatili. Si tratta, dunque, di perdite importanti per l’ambiente. Più velocemente si mettono in campo misure d’emergenza, più velocemente si riuscirà a limitare il danno”, spiega l’ecologo.

A gennaio di quest’anno Petrobras ha scoperto una chiazza di petrolio a Bacia de Campos in seguito alla fuoriuscita da uno dei contenitori del sistema galleggiante FPSO Cidade do Rio de Janeiro dislocato presso il giacimento Espadarte. Il volume iniziale della fuoriuscita è stato stimato a 5.000 litri di petrolio.

Correlati:

Petrolio, l'Arabia Saudita vuole che la Russia estenda tagli a produzione fino a fine anno
La Cina elettrifica gli autobus e minaccia la produzione di petrolio
Esperto: le sanzioni contro Iran e Venezuela hanno reso gli USA leader del petrolio
La Lukoil rinvia la vendita della raffineria di petrolio Isab in Italia
Tags:
Satellite, Economia, Petrolio, Brasile, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik