13:18 17 Novembre 2019
Bandiera del Brasile

Analisti commentano la prevista frenata dell'economia brasiliana nel 2019

© AFP 2019 / MIGUEL SCHINCARIOL
Economia
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Per la prima volta dall'inizio dell'anno gli economisti delle istituzioni finanziarie hanno abbassato le stime sulla crescita del Pil del Brasile al di sotto del 2%.

La previsione sui più bassi tassi di crescita dell'economia brasiliana coincide con le tendenze pessimistiche descritte nei bollettini settimanali della Banca Centrale del Brasile. Gli analisti hanno spiegato all'edizione brasiliana di Sputnik cosa c'è dietro la revisione al ribasso delle previsioni.

Marcel Balassiano, economista presso l'Istituto Brasiliano di Economia della Fondazione Getulio Vargas (Instituto Brasilee de Economia da Fundação, Getúlio Vargas, IBRE FVG), ritiene che il peggioramento del clima di mercato possa essere spiegato dai risultati macroeconomici dell'ultimo trimestre del 2018 e del primo trimestre del 2019, risultati inferiori alle previsioni.

Inoltre, secondo Balassiano, il pessimismo è in gran parte dovuto alle tensioni relative alla riforma delle pensioni.

"Dopo le elezioni presidenziali, gli indici di fiducia hanno mostrato dinamiche positive e anche gli indicatori dei mercati finanziari hanno mostrato una crescita. La Fondazione Getulio Vargas tiene conto della situazione attuale e delle aspettative future. Questa crescita della fiducia è legata alle aspettative, piuttosto che ai cambiamenti nello scenario attuale. Inoltre i problemi nel governo, per esempio le divergenze tra il capo di Stato Bolsonaro e Rodrigo Maia, il presidente della camera bassa del parlamento, hanno portato un aumento dell'incertezza e una diminuzione della fiducia", ha spiegato l'economista. A marzo il Business Confidence Index (BCI), calcolato dalla Fondazione, ha raggiunto il livello più basso dall'ottobre 2018.

Il capo economista del fondo d'investimento Porto Seguro Investimentos José Penna è d'accordo con Balassiano.

Penna sottolinea anche il fatto che è in atto un rallentamento globale della crescita economica. Secondo lui, l'escalation del conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti ha avuto un impatto negativo su tutto il mondo, in particolare sull'Europa.

"Ci sono problemi specifici, come la decisione del governo cinese di perseguire una politica economica restrittiva dal 2016, che nel tempo ha portato al calo dei tassi di crescita dell'economia mondiale. Anche la Brexit e gli indicatori di rendimento in Europa dovrebbero essere presi in considerazione", ha spiegato l'economista.

Tags:
Jair Bolsonaro, PIL, crescita, Economia, Brasile
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik