Widgets Magazine
09:41 15 Settembre 2019
Controllori cinesi

Perché la Nuova Via della Seta serve all’Africa

© AFP 2019 / Zacharias ABUBEKER
Economia
URL abbreviato
160
Seguici su

La Nuova Via della Seta cinese non è una trappola del debito, e ha un significato economico per i paesi africani, scrive il South China Morning Post citando le parole dell’ambasciatore etiope in Cina Toga Chanaka.

Secondo lui, la costruzione d'infrastrutture di trasporto e logistica, che l'iniziativa cinese fornisce, è necessaria affinché i paesi africani possano aumentare le esportazioni e sostenere la crescita economica. Così l'ambasciatore ha risposto alle accuse di alcuni paesi occidentali secondo cui l'iniziativa cinese porterà i paesi in via di sviluppo alla schiavitù del debito.

L'atteggiamento nei confronti dell'iniziativa cinese nel mondo è duplice. La maggior parte dei paesi in via di sviluppo lo percepiscono con entusiasmo: come parte della Nuova Via della Seta le aziende cinesi non risparmiano denaro per gli investimenti in infrastrutture, cosa molto importante per i paesi in via di sviluppo. I paesi del G7, a eccezione dell'Italia, che già guarda con entusiasmo all'iniziativa cinese, sono invitati a considerare attentamente ogni specifico progetto d'investimento con la parte cinese.

Nell’ambito della Nuova Via della Seta la Cina offre progetti infrastrutturali su larga scala ea lungo termine. Naturalmente, la loro attuazione può essere irta di alcune difficoltà, ad esempio di natura finanziaria o ambientale. La stessa Etiopia sta ora cercando di riconsiderare le condizioni dei prestiti emessi dalla Cina per la costruzione di una ferrovia che collega la capitale del paese, Addis Abeba, con il vicino Gibuti. Secondo l'ambasciatore etiopico della Repubblica popolare cinese, la linea ferroviaria di 756 chilometri, in funziona già dall'inizio del 2018, è stata finanziata da banche cinesi, compresa la banca EXIM, che ha coperto $2,9 miliardi del 70% dei costi di costruzione. È vero, le condizioni di finanziamento sono insopportabili per l'Etiopia e il paese sta discutendo con la Cina la possibilità di estendere il periodo di rimborso del prestito di 20 anni. Dall'altra parte, l'ambasciatore etiopico afferma che questa ferrovia è ancora necessaria. Apre l'accesso al mare attraverso Gibuti. Così, l'Etiopia con una popolazione di 100 milioni può diventare il più grande attore commerciale internazionale, secondo Toga Chanaka.

Il finanziamento della costruzione d'infrastrutture è sempre un investimento a lungo termine che gli investitori privati ​​sono riluttanti a fare. Tuttavia, questo non è affatto un investimento senza speranza, dal momento che un'infrastruttura sviluppata crea le condizioni per accelerare la crescita economica, ha detto a Sputnik Jiang Yuechun, direttore del World Economy and Development Center presso l'Istituto cinese per gli studi internazionali.

"La costruzione d'infrastrutture richiede sempre un investimento di capitale anticipato. Ma se questi investimenti in futuro contribuiranno allo sviluppo economico, alla costruzione nei paesi beneficiari, allora tali investimenti di capitale sono giustificati. E questo non è affatto un investimento senza speranza, dal momento che non sono destinati al consumo, ma allo sviluppo. È vero, in effetti, è un investimento a lungo termine. Pertanto, è sbagliato considerare l'iniziativa cinese come una "trappola del debito". Questa è una pura distorsione dei fatti. In precedenza, anche i paesi occidentali hanno agito in questa maniera, il Giappone ha investito molto in tutto il mondo, molti paesi hanno debiti e nessuno ne parla. È solo che alcuni paesi hanno giudizi errati sulla Cina. Questo è causato da contrasti ideologici".

L'Etiopia è il maggior beneficiario d'investimenti cinesi. In 20 anni, il paese ha ricevuto più di 12 miliardi di dollari dalla Cina. Un certo numero di paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti, sostengono che, a differenza dei prestiti emessi da istituzioni di sviluppo globale come la Banca mondiale, gli investimenti cinesi sono fatti esclusivamente a condizioni di mercato.

L'ambasciatore etiope presso la Repubblica Popolare Cinese, citato dall'SCMP, osserva che il paese ha ricevuto prestiti dalla Cina a varie condizioni, non solo su quelle di mercato, ma anche su condizioni prive d'interessi o sotto un accordo di concessione. Certamente, le istituzioni internazionali di sviluppo svolgono un ruolo importante. Negli ultimi 20 anni, la stessa Banca Mondiale ha garantito all'Etiopia finanziamenti per oltre $15 miliardi. Tuttavia, l'iniziativa cinese Nuova Via della Seta è principalmente finalizzata allo sviluppo d'infrastrutture commerciali e logistiche nei paesi beneficiari. La stessa Banca mondiale riconosce che mentre le condizioni per la fornitura di prestiti cinesi dovrebbero essere analizzate attentamente, l'iniziativa cinese stessa avrà un effetto benefico sullo sviluppo del commercio internazionale, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Pertanto, secondo la Banca Mondiale, il rinnovo dell'infrastruttura portuale di Gibuti ridurrà dell'1,2% il tempo di trasporto delle merci tra l'Etiopia e l'Australia. E l'implementazione di tutti i progetti dell'iniziativa Nuova Via della Seta ridurrà i costi commerciali totali nel mondo di quasi il 3%.

Correlati:

La Nuova Via della Seta: perché pressing Usa su Roma?
Cina ed Iran rafforzeranno cooperazione nel progetto di Pechino “Nuova via della seta”
Cina-Italia, firmato Memorandum su Via della Seta
Tags:
Africa, Cina, Nuova via della seta
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik