Widgets Magazine
20:44 22 Ottobre 2019
Un cantiere a Mosca

Per costruire la Russia (e ricostruire Palmira) ci vogliono le macchine italiane

© Sputnik .
Economia
URL abbreviato
Di
Cooperazione Italia Russia (70)
4380
Seguici su

In Russia in un cantiere su tre vengono impiegati macchinari italiani. Adesso la partnership si rafforza e la Russia ha chiesto aiuto alle imprese italiane della lavorazione marmo per la ricostruzione del sito archeologico di Palmira, in Siria.

Dodici aziende coinvolte, la maggior rappresentanza straniera (a fronte delle quattro aziende tedesche, una spagnola e nessuna francese) ed un padiglione incentrato sul made in Italy fotografano la presenza italiana a BATIMAT Russia, evento capofila nel settore dei materiali e delle tecnologie per l’edilizia e la costruzione in Russia.

Del resto i dati diffusi dall’Agenzia delle dogane russe confermano che per i costruttori italiani la Russia rappresenta uno dei principali mercati di riferimento: nel 2018 l’Italia è stata il secondo fornitore straniero nel settore di macchine per la lavorazione marmo, con una quota di mercato del 30.6 % ed un volume d’affari pari a 16 milioni di euro.

Per Sputnik Italia fa il punto sulla partecipazione a BATIMAT, Lino Pietropaolo, responsabile Area Comunicazione di Confindustria Marmomacchine.

Qual è il bilancio di Confindustria Marmomacchine al termine di BATIMAT 2019?

Quest’anno, per il sesto anno consecutivo come Confindustria Marmomacchine abbiamo organizzato insieme all’ICE all’interno del piano per la promozione all’estero del settore tecno-lapideo italiano la partecipazione di 12 aziende italiane a BATIMAT Russia, che è stata individuata come piattaforma fieristica di riferimento sul mercato russo per il mondo delle costruzioni. Il bilancio di questa fiera, adesso che siamo all’ultimo giorno, è buono. Le premesse invece non erano buonissime perché c’erano state un po’ di turbolenze a livello di calendario fieristico, perché è in programma una fiera simile tra un mese sempre qui al Crocus Expo di Mosca, però la risposta degli operatori locali c’è stata, abbiamo avuto contatti qualificati, di alto profilo e le nostre aziende sono soddisfatte.

Come fotografa il mercato russo e quali concorrenti individua per le aziende italiane?

Noi sul mercato mondiale abbiamo una quota che oscilla tra il 60 ed il 70%. Una leadership tecnologica indiscussa, a livello di innovazione, qualità, know-how e servizio post vendita.

Qui la concorrenza più forte è fatta da produttori turchi e cinesi. C’è stata una flessione negli ultimi due anni, per ragioni di cambio euro-rublo, vuoi per le possibilità minori di investimento delle aziende locali che aspettano tempi migliori. Al di là di questo, l’interesse reciproco resta alto.

  • Il padiglione italiano a BATIMAT 2019
    Il padiglione italiano a BATIMAT 2019
    © Foto : ICE Mosca
  • Lo staff ICE Mosca insieme a Lino Pietropaolo di Confindustria Marmomacchine
    Lo staff ICE Mosca insieme a Lino Pietropaolo di Confindustria Marmomacchine
    © Foto : ICE Mosca
  • Due ragazze allo stand Axima a BATIMAT 2019
    Due ragazze allo stand Axima a BATIMAT 2019
    © Foto : Batimat 2019
  • Un operatore in visita allo stand dell'azienda italiana Diatex a BATIMAT 2019
    Un operatore in visita allo stand dell'azienda italiana Diatex a BATIMAT 2019
    © Foto : Batimat 2019
  • BATIMAT 2019 - Nei 4 giorni di salone è stata superata quota 100 mila visitatori unici
    BATIMAT 2019 - Nei 4 giorni di salone è stata superata quota 100 mila visitatori unici
    © Foto : Batimat 2019
  • Operatori russi nel padiglione italiano a BATIMAT 2019
    Operatori russi nel padiglione italiano a BATIMAT 2019
    © Foto : Batimat 2019
  • Una dimostrazione pratica di impiego dei materiali esposti a BATIMAT 2019
    Una dimostrazione pratica di impiego dei materiali esposti a BATIMAT 2019
1 / 7
© Foto : ICE Mosca
Il padiglione italiano a BATIMAT 2019

Ci sono dei progetti comuni, che fanno da fiore all’occhiello della cooperazione italo-russa nel settore lapideo?

Le aziende in questa esposizione hanno lavorato bene. Sono tutte aziende che vengono in Russia da diversi anni, hanno il loro network, i loro contatti. Non vengono a caso qui “a pescare”, ma vengono perché hanno già dei rapporti consolidati in questo mercato. Come associazione di categoria al momento stiamo collaborando insieme a Centr Kamny, l’associazione di categoria delle imprese del settore lapideo russo, al restauro delle rovine di Palmira.

E’ una partnership nata durante gli incontri politici e imprenditoriali degli scorsi mesi: visita di Conte a Mosca, task-force italo-russa, consiglio di cooperazione?

E’ una partnership che è partita già prima degli incontri politici ed economici dei mesi scorsi. Ed è stata un’iniziativa russa, dove la componente imprenditoriale si è mossa anche più velocemente di quella politica: la Russia ha in mano il progetto di ricostruzione del sito archeologico di Palmira e siccome si tratta di marmo, l’associazione di categoria Centr Kamny ha chiesto la nostra consulenza. Anche qui a Mosca abbiamo incontrato il loro presidente, Dmitriy Medyantsev, ed è un progetto su cui continueremo a lavorare.

Palmira liberata
© Sputnik . Michail Alaeddin
Palmira liberata

Come guarda il vostro settore produttivo alla prossima firma del Memorandum d’intesa tra Italia e Cina?

Per noi la Cina è una porta in tutta l’Asia. Siamo stati in Cina proprio la settimana scorsa alla maggiore fiera del settore, la Xiamen Stone, dove la presenza delle aziende italiane è stata la seconda per numero di espositori tra quelli esteri, con più di 50 operatori. A livello di industria noi di questo settore siamo dei pionieri: ci muoviamo molto velocemente sui vari mercati. I nuovi accordi quindi cambiano poco. Possono essere un motivo di maggiore visibilità sulla Cina, certo.

Tuttavia il mercato cinese di per sé ha dimensioni ancora contenute e non so se sarà mai al livello di quello russo, per l’apprezzamento, anche dal punto di vista culturale, del prodotto italiano. Un altro motivo di cautela è rappresentato dal fatto che noi andiamo comunque a vendere tecnologia: e dopo aver fornito con successo un certo numero di macchine, sussiste il rischio che alcuni componenti vengano copiati.

BATIMAT - Maggiore esposizione russa di materiale per l'edilizia, costruzione e arredo di interni si è svolta a Mosca dal 12 al 15 marzo. Nel padiglione italiano erano presenti le seguenti aziende: Acimac, Air Power Group, Breton, Contessa Murano Venezia, Diatex, Essepienne, Ferrari e Cigarini, Inco Industria e Colori, L'Antica Deruta, Luna abrasivi, SITI B&T Group, Tyrolit Vincent, Prussiani.

Tema:
Cooperazione Italia Russia (70)
Tags:
Esposizione, Progetti, Costruzione, industria, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik