Widgets Magazine
14:24 20 Settembre 2019
Bandiera dell'Iran

L'Iran chiede di accelerare l'avvio del sistema di pagamenti con l'Europa

CC BY 2.0 / Blondinrikard Fröberg / Iranian flag
Economia
URL abbreviato
160
Seguici su

Il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri iraniano Bahram Ghasemi ha affermato che Teheran non può aspettare a lungo.

L'Iran vuole accelerare i lavori per l'avvio del sistema speciale di pagamenti con l'Europa, per cui è stata fondata ad hoc la società INSTEX. Lo ha annunciato oggi il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri iraniano Bahram Ghasemi.

"Nonostante la registrazione di INSTEX, non vediamo passi in avanti; certo, registrare un'azienda è solo l'inizio, ma il processo è lento, vorremmo chiedere all'Europa di adottare misure per avviare il meccanismo", ha detto Ghasemi. Ha aggiunto che "la parte iraniana spera di accelerare i lavori e non può aspettare a lungo".

Dopo che gli Stati Uniti sono usciti dall'accordo nucleare con Teheran, l'economia iraniana ha dovuto affrontare seri problemi nel settore bancario: sotto la pressione di Washington, Teheran è stata scollegata dal sistema SWIFT, fatto che ha seriamente compromesso le transazioni finanziarie con i partner stranieri dell'Iran. In risposta il 31 gennaio scorso Berlino, Londra e Parigi hanno annunciato la creazione di un meccanismo ad hoc per le transazioni con l'Iran, che consente di continuare a fare affari aggirando le sanzioni statunitensi. Per questo obiettivo è stata registrata in Francia l società di progetto INSTEX con la partecipazione di Gran Bretagna e Germania.

Correlati:

Ministero Esteri tedesco: UE ha posizione comune su accordo nucleare con l'Iran
Vice presidente USA: l'Iran è il principale sponsor del terrorismo nel mondo
Iran, Rouhani: Teheran continuerà a sviluppare il programma missilistico
Iran verso cooperazione economica con il Turkmenistan nel Mar Caspio
Tags:
Sanzioni, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Economia, Finanze, Commercio, Business, Bahram Ghasemi, Gran Bretagna, Francia, Germania, USA, Europa, UE, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik