Widgets Magazine
11:20 20 Ottobre 2019
Nord stream 2

Nord Stream 2, le sanzioni USA minacciano la sicurezza energetica dell’UE

© Foto: Nord Stream 2/Axel Schmidt
Economia
URL abbreviato
291
Seguici su

Le sanzioni statunitensi contro le società coinvolte nella costruzione del gasdotto Nord Stream 2 sono molto pericolose, sia per le imprese che per la sicurezza energetica dell’UE. Lo ha dichiarato il direttore esecutivo del Comitato economico tedesco, Michael Harms, in un'intervista pubblicata oggi dalla Deutsche Welle.

"Certo, i nostri interessi economici ne soffriranno, ma questa non è la cosa più importante. Questo è soprattutto un intervento grossolano nella sovranità dell'Europa. E lo contrastiamo con forza", ha detto Harms, esprimendo la speranza che Berlino possa arrivare ad un accordo con Washington e prevenire le sanzioni, oltre a una nuova guerra commerciale.

Egli non esclude la possibilità di sanzioni di ritorsione. Naturalmente, tutto dipenderà dai risultati del voto nell'UE, ove il progetto Nord Stream 2 gode di una reputazione controversa.

Harms ha anche sottolineato che l'Europa è interessata a preservare il transito del gas attraverso l'Ucraina. 

"Per ragioni puramente economiche, perché l'offerta di gas nell'UE è così gravemente ridotta che c'è posto pure per l'Ucraina… Speriamo vivamente che se Gazprom assumerà una posizione costruttiva, otterremo un risultato", ha spiegato, aggiungendo che la Germania ha sempre sostenuto i colloqui trilaterali tra UE-Ucraina-Russia.

Inoltre, è convinto che il progetto non interferirà nemmeno con il cambio di potere in Germania. 

"Il progetto è nell'interesse fondamentale non solo della Germania, ma dell'intera UE", ha concluso Harms.    

Correlati:

USA minacciano compagnie tedesche con sanzioni per Nord Stream 2
Ministro esteri Polonia: il Nord Stream 2 ucciderà Ucraina e annullerà effetto sanzioni UE
Le minacce di Trump non fermeranno la costruzione del Nord Stream 2
Tags:
Energia, Nord Stream 2, gasdotto, Sanzioni, Germania, Russia, USA, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik