00:55 20 Novembre 2019
RusAl

Società russa Rusal plaude decisione autorità USA su revoca sanzioni

© Sputnik . Vitaliy Bezrukikh
Economia
URL abbreviato
0 70
Seguici su

Rusal accoglie favorevolmente la decisione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per il Controllo dei beni stranieri (OFAC) per revocare a breve le sanzioni e continua a lavorare per riportare la società nell'operatività di routine, ha commentato il gigante russo dell'alluminio.

Ieri il Dipartimento del Tesoro americano ha annunciato di voler escludere le società controllate da Oleg Deripaska, En +, Rusal e Eurosibenergo, dalla lista delle sanzioni entro 30 giorni, in quanto l'uomo d'affari russo ridurrà la sua quota azionaria. Lo stesso Deripaska rimarrà nella blacklist. I suoi asset, in cui detiene una quota superiore al 50%, rimarranno congelati.

"Accogliamo con favore la decisione di OFAC e continuiamo il lavoro necessario per riportare l'azienda al regime di routine", si afferma in una nota della società.

Deripaska e il gruppo En +, che controlla le holding GAZ, Basic Element e Rusal, sono stati inseriti nella blacklist americana all'inizio di aprile. L'inserimento in questa lista impone il congelamento dei beni negli Stati Uniti e il divieto di qualsiasi attività commerciale per i cittadini statunitensi, comprese le operazioni finanziarie con obbligazioni e azioni. Successivamente il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha ripetutamente rimandato la scadenza per l'imposizione delle sanzioni dirette contro la società sullo sfondo dei negoziati con Deripaska relativi alla riduzione delle sue quote e nell'amministrazione delle società.

Correlati:

Azioni di Rusal in crescita dopo decisione del Dipartimento del Tesoro USA
Rusal vola in borsa: capitalizzazione cresciuta di oltre 1 miliardo € in due giorni
Rusal guarda alla Cina dopo la perdita del mercato americano per le sanzioni
Tags:
Economia, sanzioni antirusse, alluminio, Dipartimento del Tesoro, oleg deripaska, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik