12:46 05 Dicembre 2020
Economia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

"E' particolarmente importante nei Paesi ad alto debito", ha detto il presidente Mario Draghi. Ritocco al ribasso per la crescita nell'eurozona.

Presidente Mario Draghi alla conferenza di ECB a Francoforte. Il 22 gennaio 2015
© REUTERS / Kai Pfaffenbach
La Banca centrale europea ha ritoccato al ribasso le previsioni di crescita dell'area euro sul 2018, al più 1,9% e sul 2019, al più 1,7%. La stima sul 2020 è stata confermata al più 1,7%. Inoltre, sempre la Bce ha effettuato una limatura sulle previsioni di inflazione dell'area euro sul 2019, al più 1,6 %, mentre ha alzato all'1,8% la stima sul 2018. Sul 2020 conferma l'attesa di un caro vita all'1,7 per centro e sul 2021 stima 1,8 per cento.

La Bce, inoltre, rinnova i suoi richiami ai Paesi dell'area euro a rispristinare i margini di Bilancio, e questo "è particolarmente importante nei Paesi ad alto debito — ha detto il presidente Mario Draghi — dove la piena aderenza alle regole Ue è cruciale per garantire la sostenibilità".

La Banca centrale ha confermato la conclusione del programma di acquisti netti di titoli pubblici, il Quantitative Easing, che nell'ultima fase era stato ridotto a 15 miliardi di euro al mese.

Fonte: askanews

Correlati:

Claudio Borghi: niente paura per l'addio di Draghi, dovrebbero aver paura quelli dell'UE
Olanda: deputato chiede a Draghi restituzione di 100 mlrd euro in caso uscita da eurozona
Tags:
BCE, Mario Draghi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook