07:14 19 Dicembre 2018
Euro e dollari

La UE ha un piano per liberarsi dalla dipendenza del dollaro americano - Guardian

© REUTERS / Dado Ruvic
Economia
URL abbreviato
1171

La Commissione Europea ha proposto misure che potrebbero aumentare il valore della moneta unica europea sui mercati mondiali e favorirebbero l'aggiramento delle sanzioni statunitensi contro l'Iran, scrive il Guardian.

Ad esempio tra queste misure rientrano le proposte di effettuare le transazioni energetiche con altri Paesi in euro e di creare il proprio sistema di pagamento.

La Commissione Europea ha divulgato i suoi piani per ridurre la dipendenza dal dollaro americano, che dovrebbero aiutare l'Unione europea a perseguire una politica estera indipendente, scrive il Guardian.

L'importanza di questa iniziativa è in particolare cresciuta quando le aziende europee hanno dovuto lasciare l'Iran per il rischio di incorrere nelle sanzioni statunitensi. Pertanto la Commissione Europea prevede di aumentare l'uso dell'euro nel campo energetico, anche per ridurre l'impatto del dollaro sull'economia globale.

Pertanto Bruxelles propone di utilizzare l'euro come valuta principale nei contratti energetici tra membri dell'UE e Paesi terzi, nonché di fissare i prezzi del petrolio in euro. L'Unione Europea è uno dei maggiori importatori di risorse energetiche al mondo, ricorda l'autore dell'articolo.

Inoltre l'UE dovrebbe creare tassi di interesse di base sui mercati finanziari e un sistema di pagamento proprio, nonché esplorare le possibilità di promuovere ulteriormente l'euro nei mercati valutari.

I funzionari europei sostengono che un maggiore uso della moneta unica europea dovrebbe contribuire a proteggere gli interessi dei cittadini e delle imprese europee e aumentare le capacità di reazione alle crisi. Ritengono che con la comparsa di nuove potenze economiche e lo sviluppo delle nuove tecnologie siano necessarie più valute internazionali.

Tuttavia, come notano gli esperti, questi piani potrebbero dover imbattersi in importanti ostacoli economici e politici.

Dopo tutto non è solo il fatto che l'economia mondiale sia strettamente legata al dollaro, ma i meccanismi economici stessi che potrebbero aumentare il ruolo dell'euro nell'economia mondiale incontrerebbero l'opposizione di Berlino.

Allo stesso tempo vengono introdotti altri meccanismi che consentono il commercio con l'Iran, ad esempio attraverso accordi per lo scambio di merci. Allo stesso tempo gli Stati Uniti stanno cercando di trovare informazioni su questi piani per disturbarli. Tuttavia l'Unione Europea ha ancora l'opportunità di organizzare un sistema commerciale tramite aiuti umanitari, cosa che non rientra nelle sanzioni.

I diplomatici statunitensi del Dipartimento di Stato sostengono che la creazione di sistemi di pagamento alternativi influenzerà solo negativamente la globalizzazione e l'integrazione economica.

Allo stesso tempo insistono sul fatto che Washington non rinuncerà alle sanzioni così facilmente, scrive il Guardian.

Correlati:

L’Eurocommissione raccomanda ai paesi UE di usare l'euro per gli accordi energetici
Emirati Arabi e India raggiungono accordo per transazioni nelle valute nazionali
Ministeri russi e Banca Centrale: misure per la de-dollarizzazione dell'economia
Il processo di “de-dollarizzazione” metterà fine al dominio geofinanziario USA
Ministro delle Finanze russo chiede processo di de-dollarizzazione graduale
Tags:
Economia, Politica Internazionale, Sanzioni, Finanze, Geopolitica, Occidente, dollaro, euro, Commissione Europea, Unione Europea, Guardian, USA, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik