14:56 21 Novembre 2018
Theresa May in Cina

Una sorpresa per Washington: l'esercito cinese riceverà radar dal Regno Unito

© REUTERS / Mark Schiefelbein/Pool
Economia
URL abbreviato
130

Il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post segnala che le autorità britanniche hanno permesso ad una loro azienda rimasta anonima di esportare in Cina equipaggiamenti, componenti, software e tecnologie legate ai radar militari.

La notizia di questo accordo può provocare una reazione negativa e persino un vero trambusto a Washington, perché gli Stati Uniti accusano quasi quotidianamente la Cina di furto di segreti commerciali e industriali ed esortano gli alleati a limitare la cessione di tecnologia militare e delle tecnologie a duplice uso a Pechino. Sputnik ha cercato di chiarire quali conseguenze avrà la decisione di Londra.

L'accordo, a giudicare dai documenti che i giornalisti hanno potuto vedere ed analizzare, è stato approvato dalle autorità britanniche lo scorso aprile. Probabilmente l'accordo di massima sulla vendita dei radar militari era stato raggiunto durante la visita in Cina del primo ministro Theresa May tra la fine di gennaio e l'inizio febbraio di quest'anno. L'obiettivo principale dei negoziati tra la May e il capo del governo cinese Li Keqiang e il presidente Xi Jinping era quello di cercare soluzioni per migliorare il commercio bilaterale e sviluppare la cooperazione industriale.

Non è un caso che la visita di Theresa May non è iniziata a Pechino, ma in uno dei centri industriali del Paese, la città di Wuhan nella Cina centrale. La May è stata accompagnata da una grande delegazione di 50 rappresentanti dei circoli economici e imprenditoriali britannici, che desiderano espandere la loro attività in Cina, la seconda economia più grande del mondo.

È possibile che altri alleati degli Stati Uniti ignorino gli appelli di Donald Trump per limitare o interrompere le forniture di tecnologie a duplice uso civile e militare verso la Cina. In che modo la Cina valuta la decisione del governo britannico? L'esperto dell'Istituto di commercio internazionale e cooperazione economica presso il ministero del Commercio cinese Mei Xinyu ha condiviso la sua opinione con Sputnik.

"Non c'è dubbio che nel mondo occidentale la Gran Bretagna è realmente il più forte e fidato alleato degli Stati Uniti, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, durante la guerra fredda fino ad oggi, per decenni. Tuttavia gli interessi nazionali di Gran Bretagna e Stati Uniti non coincidono pienamente, anche il corso politico dei governi di Regno Unito e Stati Uniti è diverso. In qualità di vecchia potenza coloniale, la Gran Bretagna è più sofisticata e astuta degli Stati Uniti negli scambi e in politica estera. D'altra parte tra tutti i presidenti degli Stati Uniti lo stile di condotta di Trump è il più spericolato. Sicuramente il Regno Unito non seguirà gli Stati Uniti in tutto. Prima di firmare l'accordo, il Regno Unito e la Cina hanno pesato tutto, penso. Il Regno Unito è consapevole del fatto che la tecnologia cinese in alcuni settori ha già raggiunto un livello significativo. Se il Regno Unito non vendesse strumentazioni per radar militari alla Cina, in realtà la situazione non cambierebbe per nulla. Se si raggiunge un accordo, si possono fare profitti."

Quali sono allora le prospettive per la politica di contenimento degli Stati Uniti contro la Cina? È possibile un'ampia coalizione contro la seconda economia mondiale con cui cooperano e sono interessati ad avere rapporti tutti i principali Paesi nel mondo? Il parere di Mei Xinyu.

"Sulla questione del contenimento della Cina, anche gli stessi Stati Uniti sono lontani dall'essere uniti. Un gran numero di americani spera che gli Stati Uniti possano mantenere normali relazioni con la Cina e cercare una cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Si auspicano che gli Stati Uniti non perdano questo mercato. Certo, per quelli che vedono la Cina come una minaccia e parlano della necessità di contenimento, l'accordo tra la Cina e il Regno Unito sarà una grande delusione".

Correlati:

Generale USA: “alta probabilità guerra con Cina”
Monito della Cina su conseguenze del ritiro unilaterale USA da accordo su euromissili
La Cina userà gli S-400 russi contro gli USA
Vice presidente USA: le ingerenze russe sono nulla rispetto a quelle della Cina
“Per gli USA non è troppo tardi ostacolare l'asse Russia-Cina”
Tags:
Business, Cooperazione militare, Cooperazione, Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Esercito Cina, Donald Trump, Gran Bretagna, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik