06:54 15 Novembre 2018
Costruzione gasdotto Nord Stream

Duda: “Nord Stream-2 minaccia per Ucraina e Slovacchia

© Sputnik . Igor Zarembo
Economia
URL abbreviato
4121

Il presidente della Polonia Andrzej Duda in onda sul Polski Radio ha dichiarato che il Nord Stream 2 è una minaccia per l’Ucraina e la Slovacchia.

Secondo lui, il gasdotto sarebbe anche una minaccia energetica per la Polonia, se non fosse per le "azioni preventive di Varsavia".

Inoltre, Duda ha osservato che la posizione dei tre paesi su questo tema non è ambigua, i presidenti l'hanno ripetutamente espressa e in questo contesto non è cambiato nulla.

Il progetto Nord Stream-2 prevede la costruzione di due linee di gasdotto per una capacità totale di 55 milairdi di metri cubi all'anno attraverso il Mar Baltico.

Il nuovo gasdotto verrebbe costruito accanto al Nord Stream, e passerebbe attraverso i territori e le zone economiche speciali distribuiti lungo le coste del Mar Baltico: Russia, Finlandia, Svezia, Danimarca e Germania. I permessi di costruzione devono sono stati rilasciati da tutti eccetto la Danimarca, ora si è in attesa.

Alla costruzione del gasdotto si oppongono diversi paesi, in particolare l'Ucraina, che teme di perdere i guadagni sul transito del gas sul proprio territorio.

Anche gli Stati Uniti sono anche contrari alla sua costruzione, poiché stanno portando avanti piani per esportare il loro gas naturale liquefatto (GNL) nell'Unione europea. Inoltre, i leader di Lettonia, Lituania e Polonia considerano il progetto politicamente motivato.

Le autorità russe, a loro volta, hanno ripetutamente affermato che Nord Stream 2 è un progetto esclusivamente economico.

Correlati:

Gli USA criticano l'Europa per il sostegno al Nord Stream 2: è inaccettabile
In Germania ribadita l'importanza del gasdotto Nord Stream-2
L'Ucraina ha un piano B nel caso di apertura del gasdotto Nord Stream-2
Nord Stream 2, la Wintershall è favorevole al percorso alternativo
Tags:
Gas, Nord Stream 2, Nord Stream-2, Andrzej Duda, Polonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik