08:01 15 Novembre 2018
Cina USA

Cina non intende ridurre interscambio con gli USA

© AP Photo / Andy Wong
Economia
URL abbreviato
182

La Cina non è pronta a portare l’interscambio con gli USA a livellli minimi a causa del peggioramento della guerra commerciale, ha dichiarato vice ministro degli Esteri cinese Zhang Hanhui.

"Non vogliamo ridurre il nostro interscambio con l'America. Il volume dell'interscambio tra USA e Cina dipende dalla parte americana" ha dichiarato in un incontro con i giornalisti.

"Siamo a favore della globalizzazione delle economie. Abbiamo lavorato per 18 anni affinché la Cina entrasse nel WTO, e abbiamo mantenuto tutte le promesse fatte: abbiamo abbassato le tariffe doganali e abbiamo aperto l'accesso alla nostra economia da tutte le direzioni" ha detto lui.

Ha osservato che in Cina si sviluppa l'economia di mercato. "Se non lì (negli USA), i nostri produttori troveranno clienti e ordini in altri paesi e in altri mercati" ha concluso.

La guerra commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti è iniziata dopo che il reciproco aumento dei dazi doganali tra questi stati entrato in vigore il 6 luglio di quest'anno. Gli Stati Uniti hanno imposto un dazio del 25% sulle importazioni su  818 articoli dalla Cina pari ad una somma totale di 34 miliardi di dollari all'anno. Come contromisura, la Cina ha introdotto un dazio del 25% lo stesso giorno sull'importazione di un volume equivalente di merci americane.

Alla fine di settembre sono entrati in vigore nuovi dazi statunitensi dell'importo del 10% per le merci provenienti dalla Cina con un volume di importazioni di 200 miliardi di dollari all'anno. La Cina, in risposta, ha imposto dazi del 10% e del 5% sulle importazioni statunitensi per $60 miliardi. Gli Stati Uniti, sono insoddisfatti a causa dello squilibrio commerciale tra i due paesi, che, secondo le stime di Washington, ammonta a $500 miliardi a favore della Cina. Pechino, a sua volta, considera lo squilibrio una conseguenza della politica economica interna degli Stati Uniti.

Correlati:

Monito della Cina su conseguenze del ritiro unilaterale USA da accordo su euromissili
USA: esperti chiedono di non definire Cina “manipolatore di valuta”
Ministro Commercio USA parla della nuova "pillola avvelenata" anti-Cina nell'accordo USMCA
La Cina rinuncia a nuove consultazioni su questioni commerciali con gli USA
Tags:
Economia, guerra commerciale, dazi, Guerra dei dazi, il ministero degli Esteri, WTO, America, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik