15:26 15 Ottobre 2018
Naftogaz

L'Ucraina ha un piano B nel caso di apertura del gasdotto Nord Stream-2

© Sputnik . Grigory Vasilenko
Economia
URL abbreviato
4218

Kiev ha un "piano B" in caso di lancio del gasdotto Nord Stream-2, ha dichiarato sulla tv locale Yury Vitrenko, direttore commerciale della compagnia energetica Naftogaz.

Secondo il manager, l'Ucraina ha già preparato la documentazione per una vertenza contro la Russia presso il tribunale arbitrale internazionale per il risarcimento dei danni a seguito del lancio del gasdotto e per l'inattività dell'infrastruttura di trasporto nazionale del gas.

A Kiev le perdite vengono stimate in 12 miliardi di dollari.

Il rappresentante di "Naftogaz" ha sottolineato che si tratterebbe "solo del risarcimento per le entrate tariffarie perse" e non del livello della tariffa di transito del gas stesso.

Il progetto Nord Stream-2 prevede la posa di 2 rami di un gasdotto con una capacità annua di 55 miliardi di metri cubi di gas attraverso il Mar Baltico.

Diversi Stati, in particolare l'Ucraina, sono contrari alla realizzazione del progetto. A Kiev temono di perdere profitti derivanti dal transito del gas russo verso l'Europa. Anche gli Stati Uniti sono contrari alla costruzione del gasdotto, in quanto disturba i loro piani per esportare il gas naturale liquefatto nei Paesi della UE. Inoltre la leadership di Lettonia, Lituania e Polonia considera il progetto politicamente motivato.

Le autorità russe a loro volta hanno ripetutamente affermato che Nord Stream-2 è un progetto esclusivamente economico. Vladimir Putin ha osservato che il futuro del transito del gas attraverso il territorio ucraino, se verrà mantenuto, deve corrispondere a requisiti economici.

Correlati:

La posa dei tubi del Nord Stream 2 in acque russe inizierà a fine anno
Poroshenko: il Nord Stream 2 è un'opera inutile
Naftogaz annuncia le perdite dell'Ucraina per il Nord stream 2
Tags:
Economia, Gas russo, Energia, Nord Stream 2, Gazprom, Naftogaz, Yuri Vitrenko, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik