14:29 15 Ottobre 2018
Giacimento di gas in Iran

L’UE commercerà con l'Iran aggirando le sanzioni USA?

© REUTERS / Raheb Homavandi
Economia
URL abbreviato
3120

L'Unione Europea creerà un meccanismo finanziario per cooperare con l'Iran, scavalcando le sanzioni americane. Lo affermano in una dichiarazione congiunta Russia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina, UE e Iran sui risultati di una riunione ministeriale presso le Nazioni Unite.

Il capo della diplomazia europea Federica Mogherini ha letto la dichiarazione congiunta: "I partecipanti hanno accolto con favore le proposte tattiche per la conservazione dei canali di pagamento, in particolare l'iniziativa di istituire un meccanismo speciale (Special Purpose Vehicle, SPV, o Società di Progetto), per facilitare i pagamenti relativi alle esportazioni di Iran, compreso petrolio, e per le importazioni".

Come ha spiegato Federica Mogherini, al fine di garantire le transazioni con l'Iran, gli stati membri dell'UE creeranno un'entità legale. "Ciò consentirà alle aziende europee di lavorare con l'Iran in conformità con le leggi europee", ha aggiunto, sottolineando che il meccanismo sarà aperto ad altri paesi.

Sputnik ha intervistato due esperti iraniani in economia su come l'iniziativa UE per stabilire la Società di Progetto sotto la guerra economica con gli Stati Uniti contribuirà a rafforzare gli scambi con l'Iran. Le loro opinioni sono abbastanza contrastanti

Peyman Molavi, segretario generale dell'Associazione degli economisti iraniani, ha spiegato che la volontà di creare una Società di progetto a fini speciali è un passo in avanti positivo per incrementare le relazioni commerciali tra l'UE e l'Iran e una piattaforma esemplare per spingere altri paesi sottoposti alle sanzioni statunitensi a fare lo stesso:

"L'Iran non è l'unico paese sottoposto a pressioni sanzionatorie. Gli Stati Uniti usano le sanzioni, in particolare economiche, come un nuovo strumento per agire su molti dei suoi partner commerciali. Dobbiamo riconoscere che il dollaro degli Stati Uniti oggi è una potente leva di importanza globale, dalla quale dipende oltre l'80% delle transazioni commerciali globali. Il dollaro americano è, e rimane, il motore del progresso del commercio internazionale. Pertanto, non appena la leva inizia a esercitare una "pressione più forte" su alcuni paesi, come l'Iran, la Turchia, la Cina o la Russia, allora questi paesi necessitano di uno strumento specifico, con il quale essi saranno in grado di effettuare operazioni e di effettuare pagamenti bypassando la leva di pressione. Tra questi strumenti, è possibile nominare il cosiddetto "baratto" o il passaggio ai pagamenti in valuta nazionale. Ma questi strumenti non sono adatti al commercio con l'Europa, e sono difficili da attuare in pratica per l'Iran. Così l'idea di creare un meccanismo speciale per effettuare i pagamenti è un importante passo avanti per l'importazione e l'esportazione di merci tra l'Iran e l'Unione Europea. Naturalmente, la Società di progetto sarà proprio una forma di assicurazione che garantirà un vantaggio non da poco. Inoltre, la società veicolo tra l'Iran e l'Unione Europea potrebbe diventare una piattaforma modello per altri paesi che, per qualsiasi motivo, sono soggetti a sanzioni o pressioni provenienti dagli Stati Uniti. Pertanto, questo è un passo positivo per lo sviluppo degli scambi tra l'Iran e l'UE. Inoltre, il fatturato del commercio tra i nostri paesi non è piccolo, e detiene una posizione di leadership nel segmento dell'economia nazionale. Pertanto, ritengo positiva questa iniziativa dell'UE di creare una Società di Progetto. Ciò faciliterà e migliorerà notevolmente la partnership commerciale.

Se si guarda alla storia dell'economia dell'UE, è il primo caso in cui i paesi europei di stabilire Istituto di mediazione congiunta, dotato di poteri autonomi per aggirare le sanzioni unilaterali degli Stati Uniti contro l'Iran. Questo esempio può essere seguito da altri paesi, in particolare Cina, Russia, Turchia".

Seyed Yaser Jebraily, economista iraniano, membro del Consiglio scientifico per l'economia dell'Istituto di studi politici e strategici Hekmat, ritiene che, in pratica, gli europei non hanno fatto nulla per proteggere gli interessi commerciali dell'Iran, e che quindi l'attuale iniziativa è ancora solo solo un'altra promessa:

"Dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal Piano d'azione congiunto globale l'Unione Europea aveva promesso di garantire la conservazione degli interessi dell'Iran nell'accordo nucleare, ma in pratica, queste promesse sono state vane. In seguito a causa degli USA il mercato dell'Iran è stato lasciato da un certo numero di importanti società europee, e il volume degli acquisti di petrolio iraniani da parte degli europei è diminuito. Pertanto l'Iran valuta l'impegno dell'UE nei confronti del Piano d'azione congiunto globale in base alle loro azioni, non in base alle parole e alle promesse. Fino ad ora, le azioni dell'UE non sono state valutate come misure pratiche volte a garantire la conservazione degli interessi commerciali nel Piano d'azione congiunto globale. Sì, l'Iran può prendere una decisione unilaterale di ridurre le esportazioni di petrolio verso l'Europa. Ma se a seguito dell'obbedienza alle condizioni dettate dai potenziali acquirenti e alle sanzioni degli Stati Uniti per ridurre il volume delle esportazioni di petrolio, l'Iran non riuscirebbe poi a ottenere il reddito desiderato dalla vendita di energia, allora il Piano d'azione congiunto globale si trasformerebbe in una promessa unilaterale, perdendo il suo senso. Allora l'Iran, senza dubbio, lascerebbe questo "accordo".

Tuttavia nell'abbandono del mercato iraniano da parte delle società europee, si possono vedere benefici per l'economia nazionale. Poiché i francesi hanno dominato il mercato automobilistico per molti anni, la loro presenza non ha contribuito a promuovere l'industria automobilistica nazionale. L'Iran qui è in qualche modo simile al Giappone. Se i giapponesi non avessero cacciato la General Motors e la Ford, non avrebbero potuto diventare una paese con case automobilistiche di successo. Pertanto, l'Iran ha la stessa opportunità.

Quando nel 2010 gli Stati Uniti imposero un embargo sulla benzina, tutti credettero che ci sarebbe stata una grande crisi sociale in Iran. Tuttavia, l'Iran è stato in grado di costruire e avviare la raffineria Persian Gulf Star da solo, riducendo così la dipendenza dalle importazioni di benzina. Anche Richard Nephew, un ex dipendente del Dipartimento del Dipartimento di Stato per coordinare la politica di sanzioni e uno degli sviluppatori del pacchetto di sanzioni contro l'Iran, ha osservato che il divieto di esportazione di benzina in Iran non può essere considerato un fattore di pressione su Teheran. Dopo l'introduzione delle sanzioni nel 2012, il tasso di disoccupazione in Iran è diminuito e si prevede che il tasso di disoccupazione diminuirà solo a causa della sostituzione delle importazioni e dell'aumento della crescita della produzione.

La difesa del mercato e la produzione interna di beni esteri, il divieto d'esportazione delle materie prime e l'introduzione di restrizioni sulla presenza di imprese straniere sul mercato interno sono tre politiche che sono state adottate da tutti i paesi sviluppati per raggiungere il progresso economico. Gli Stati Uniti sanno anche che le sanzioni a lungo andare andranno a beneficio solo dell'economia iraniana. Tuttavia, gli USA sperano di poter causare un danno a breve termine nella società iraniana, creando una spaccatura tra il popolo e le autorità, per preparare il terreno per la distruzione del sistema statale, la Repubblica Islamica. In ogni caso, i benefici a lungo termine dovuti alle sanzioni degli Stati Uniti, non significano che l'Iran tollererà l'obbedienza dei suoi partner commerciali europei agli Stati Uniti e continuerà ad impegnarsi per conservare il Piano d'azione congiunto globale".

Correlati:

Casa Bianca insiste sulle sanzioni contro l'Iran e manda un segnale all'Europa
Rouhani: qualunque cosa abbia detto Trump, l'Iran rispetta i termini dell'accordo nucleare
Come salvare l’accordo nucleare con l’Iran?
La Russia continuerà la cooperazione energetica con l'Iran nonostante le sanzioni USA
Tags:
Accordo, Accordo con Iran, Sanzioni, accordi, Sanzioni Iran, Sanzioni, Sanzioni USA, Accordo con Iran, sanzioni, UE, Federica Mogherini, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik