22:52 24 Settembre 2018
US Dollar

Neue Zürcher Zeitung: il mondo ha sfidato il dominio del dollaro

CC0
Economia
URL abbreviato
6180

Sempre più paesi stanno cercando di abbandonare il dollaro o almeno di indebolire la loro dipendenza dalla valuta statunitense, scrive Neu Zürcher Zeitung. Questa tendenza è causata dalla politica protezionistica della Casa Bianca e dai costanti conflitti commerciali tra USA e altri stati dichiara l'analista Ronald-Peter Stöferle.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, il dollaro gode di uno status speciale, scrive Neu Zürcher Zeitung. Il commercio di petrolio e di altre materie prime viene effettuato solo in valuta americana. Senza i cosiddetti petrodollari, con i quali gli estrattori di oro nero acquistano titoli di prestito del governo degli Stati Uniti, gli americani non avrebbero potuto accumulare una tale montagna di debiti senza affrontare una stretta finanziaria, spiega Ronald-Peter Stöferle, un analista della società d'investimento Incrementum.

Ma ora molti paesi stanno iniziando ad abbandonare il dollaro, continua la pubblicazione. In prima linea ci sono la Russia e la Cina. E persino la creazione dell'euro può essere interpretata come un passo in una direzione simile, crede l'analista. La "de-dollarizzazione" è un processo lento, che evidenzia "la trasformazione del mondo monetario da uno americano-centrico ad uno multipolare".

L'elezione del presidente di  Donald Trump potrebbe avere un grande impatto su questo processo, afferma Stöferle. Portando avanti la politica sotto lo slogan "l'America prima", il capo della Casa Bianca non ha paura di essere coinvolto in conflitti commerciali. Ma misure più protezionistiche vengono adottate dagli americani, più si riduce il fatturato di dollari. Non bisogna dimenticare l'aumento del tasso di interesse della Federal Reserve Bank, ricorda l'analista. I paesi con grandi debiti in dollari affrontano gravi difficoltà. Il fatto che Trump usi la sua valuta come uno strumento di potere, contribuisce al suo rifiuto in altre parti del mondo.

Sempre più Stati stanno sfidando il dominio del dollaro, continua la pubblicazione. La Russia e la Cina stanno cercando di commerciare in rubli e yuan, e non in dollari. Il capo del Cremlino, Vladimir Putin, nel 2014, ha sottolineato che il petrolio e il gas dovrebbero essere venduti con la valuta russa, minando così il monopolio della valuta statunitense. Inoltre, Mosca vende titoli di credito del governo degli Stati Uniti e in cambio ci compra oro, afferma Stöferle.

Anche la Cina ha concluso un gran numero di contratti per la fornitura di petrolio con pagamento in yuan. Inoltre, Pechino quest'anno ha iniziato a scambiare i futures sul petrolio nella sua valuta. Un segno importante che viene dalla Cinam che mostra la sua volontà di creare un "sistema multipolare di valute di riserva" è l'apparizione dello Shanghai Gold Exchange, sottolinea l'analista. Inoltre, Pechino ha convenuto che il finanziamento di alcuni dei principali progetti infrastrutturali concordati nel recente Forum della cooperazione Cina-Africa sarà attuato in yuan.

Il dollaro sta gradualmente perdendo lo status della valuta mondiale, e questo può portare a conseguenze su larga scala negli Stati Uniti, predice Stöferle. Di conseguenza, la domanda di dollari, così come i titoli di prestito del governo degli Stati Uniti, potrebbe diminuire significativamente. Questo, a sua volta, porterà ad un aumento dell'inflazione e ad un aumento dei tassi di interesse. Se la Cina compra la maggior parte del suo petrolio in yuan, perderà interesse per le obbligazioni statunitensi. Processi simili possono verificarsi in Medio Oriente, avverte l'analista.

Correlati:

Erdogan: necessario porre fine al dominio del dollaro nel commercio mondiale
Militare americano svela perché gli USA stanno perdendo il dominio globale
Pentagono: l'esercito americano si prepara a "guerra multi-dominio"
Tags:
Economia, dollari, Titoli di Stato, dollaro, politica monetaria, Donald Trump, USA, Cina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik