10:33 19 Settembre 2018
Cremlino, Mosca

Russia smetterà di comprare dagli USA componentistica a duplice uso

© Sputnik . Vladimir Vyatkin
Economia
URL abbreviato
2211

In ogni caso, la Russia smetterà di acquistare tutti i dispositivi elettronici e componentistica a duplice uso dagli Stati Uniti, comprerà l'elettronica da paesi terzi, in particolare dalla Cina, ha detto il vicepresidente del comitato del Consiglio della Federazione sulla Difesa e Sicurezza Alexey Kondratiev.

L'amministrazione degli Stati Uniti ha annunciato l'8 agosto nuove sanzioni contro la Russia a causa del presunto utilizzo di armi chimiche a Salisbury, dove nel mese di marzo, presumibilmente secondo le autorità britanniche, la Russia ha  avvelenati l'ex ufficiale sovietico Sergey Skripal e sua figlia Julia. Il 22 agosto è entrato in vigore il primo pacchetto di sanzioni statunitensi. Innanzi tutto, si tratta di imporre restrizioni alla fornitura di merci a duplice uso in Russia.

"In ogni caso, smetteremo di acquistare tutta la componentistica americana, visto che la campana è già suonata", ha detto Kondratiev.

Secondo lui, la Russia prevede di acquistare dispositivi elettronici a duplice uso in particolare dalla Cina.

"Ci sono simili merci che compriamo dagli Stati Uniti, e da paesi terzi, come la Cina. Il mercato della armi è costruito su uno scambio circolare universale, dunque in ogni caso troveremo un modo" ha detto il Senatore.

Nella città inglese di Salisbury il 4 marzo, secondo le accuse delle autorità britanniche, l'ex ufficiale dei servizi segreti sovietici Sergey Skripal e sua figlia Julia sono stati avvelenati, provocando un grande scandalo internazionale. Londra crede che lo stato russo sia coinvolto nell'avvelenamento dell'ex agente con la sostanza A234, Mosca lo nega categoricamente. Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato a maggio che il "caso Skripal" sta cadendo a pezzi davanti agli occhi a causa della mancanza di prove della colpevolezza della Russia.

Il portavoce ufficiale del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova precedentemente affermato che nel caso Skripal nel Foreign Office è stato inviato a circa 60 note diplomatiche con l'obbligo di dare alla Russia l'accesso all'indagine, ai cittadini interessati della Federazione Russa, nonché una richiesta di assistenza giudiziaria e di cooperazione, tra cui su un'inchiesta congiunta, ma le autorità britanniche non hanno reagito in nessuna maniera.

L'ex capo del Ministero degli Esteri britannico, Boris Johnson, ha accusato la Federazione Russa di aver avvelenato Skripal a marzo, sostenendo che le prove della colpevolezza di Mosca erano "sconcertanti". Le accuse si sono rivelate false. Il capo del laboratorio segreto del Ministero della Difesa britannico in seguito ha dichiarato che gli esperti non hanno potutto stabilire la fonte della sostanza, che, secondo la parte britannica, ha avvelenato Skripal e sua figlia. Lo stesso giorno il Ministero degli Esteri britannico ha riconosciuto che la conclusione sul coinvolgimento della Federazione Russa nell'avvelenamento degli Skripal è stata fatta, tra le altre cose, sulla base delle proprie stime di informazioni.

Correlati:

14 paesi membri dell'OPAC a favore di soluzione legale all'incidente di Salisbury
Putin definisce nuove sanzioni USA “insensate”
USA si preparano a rafforzare sanzioni a Russia. E chiedono ad alleati di fare altrettanto
Cremlino stima conseguenze delle sanzioni USA
Tags:
Sanzioni, Sanzioni, sanzioni, Cremlino, Sergei Skripal, Boris Johnson, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik