00:28 26 Settembre 2018
Situazione in Siria

Sanzioni occidentali rallentano ripresa produzione delle aziende siriane

© REUTERS / Rodi Said
Economia
URL abbreviato
0 51

Le sanzioni imposte dall'Occidente contro la Siria non consentono agli impianti di funzionare a pieno regime a causa della mancanza di materiali, cosa che ostacola la ripresa del paese, ha detto il direttore di uno stabilimento di trasformazione, Mohammed Abu El-Heyer, situato ad Arda in Siria.

Ha dichiarato che la città è stata catturata dai terroristi nel 2013 e dopo la loro espulsione è diventato chiaro che l'impianto aveva perso metà della sua capacità produttiva.

"Il complesso della fabbrica si compone di diversi stabilimenti: uno produce cavi, un altro realizza i trasformatori. Questa produzione è di vitale importanza per l'economia, per la ricostruzione sono necessari trasformatori e cavi in tutte le aree della Siria per l'energia elettrica, questa azienda ogni mese può produrre 500 trasformatori 1500 tonnellate di cavi, ma la domanda in Siria è più alta" ha detto l'imprenditore.

Secondo lui, "la fabbrica produce solo il 20% del numero richiesto di cavi". "A causa delle sanzioni occidentali l'impianto non può acquistare i materiali di produzione. Chiediamo a tutti i paesi di aiutarci per fare in modo che l'impianto raggiunga il cento per cento della produzione" ha detto El Heyer.

Ha sottolineato che, nonostante le sanzioni, più fabbriche e impianti stanno ripristinando la produzione in tutta la Siria, compresa l'industria alimentare.

 

Correlati:

Siria: artisti trasformano il rifugio dei terroristi in una galleria d'arte
Nuovo carico di aiuti umanitari consegnato dai militari russi in Siria
Milioni di persone tornano in Siria. USA smarriti
L'ONU ritiene che il conflitto in Siria stia volgendo al termine
Tags:
Sanzioni, Economia, Sanzioni, fabbrica, sanzioni, crisi economica, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik