00:27 15 Novembre 2018
Made in Russia

Politico ucraino racconta del paradossale effetto delle sanzioni antirusse

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Economia
URL abbreviato
4231

Le sanzioni contro Mosca in maniera paradossale hanno aiutato la Russia a consolidarsi, ha dichiarato l’ex deputato del parlamento ucraino Evgeny Filindash in onda sul canale NewsOne.

Alla domanda del giornalista ucraino, perché le sanzioni contro la Russia non funzionano, il politico ha risposto che le limitazioni economiche contro Mosca hanno portato alla sostituzione delle importazioni in vari settori.

"Prima la Russia importava quasi tutto, adesso invece le sanzioni hanno portato alla necessità di sviluppare almeno i settori strategici della propria produzione; in altre parole le sanzioni hanno portato al fatto che la Russia, che possiede enormi risorse, naturali, umane, didattiche, ha iniziato a usare parte di queste ultime nel ripristino della propria produzione. Non è la piccola Serbia che da delle sanzioni del genere sarebbe stata schiacciata.

Pertanto, queste sanzioni paradossalmente per i loro autori hanno aiutato la Russia a consolidarsi", ha detto l'ex deputato.

Le relazioni tra Mosca e l'Occidente sono peggiorate a causa della situazione in Ucraina e in Crimea. L'Occidente, accusando la Russia di ingerenze, ha imposto sanzioni contro di essa. Mosca ha preso misure di ritorsione, intraprendendo una politica di sostituzione delle importazioni e più di una volta ha dichiarato che parlare con essa con il linguaggio delle sanzioni è controproducente. Allo stesso tempo, la Federazione Russa ha ripetutamente sottolineato che non agisce come parte nel conflitto inter-ucraino e che non è soggetta agli accordi transattivi di Minsk.

Correlati:

Ex diplomatico americano ha parlato delle conseguenze delle sanzioni anti-russe
Trump non esclude annullamento sanzioni anti-russe
Austria scontenta per conseguenze sanzioni russe
Tags:
Economia, Economia innovativa, Economia, economia russa, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik