21:43 21 Ottobre 2018
Congresso USA

Compagnie petrolifere americane dicono no a sanzioni più pesanti contro la Russia

© Sputnik . Igor Mikhalev
Economia
URL abbreviato
251

Alcune compagnie petrolifere ed energetiche americane, le cui attività sono strettamente legate alla Russia, si sono opposte all'inasprimento delle sanzioni contro Mosca. Lo segnala la Reuters, riferendosi a fonti nel Senato statunitense.

Per dissuadere i membri del Congresso dall'appesantimento delle sanzioni contro Mosca è impegnata la Camera di Commercio russo-americana, che annovera come membri ExxonMobil, Shell e Chevron.

I rappresentanti dell'organizzazione e delle compagnie non hanno risposto alla richiesta dell'agenzia di commentare questa notizia.

Non è la prima volta che le compagnie petrolifere si mostrano contrarie alle sanzioni. In precedenza la Exxon Mobil aveva dichiarato che queste misure regalano un vantaggio competitivo alla Shell e British Petroleum.

Al momento il Congresso sta discutendo una nuova legge che prevede sanzioni più dure contro la Russia. La nuova ondata di tensione nelle relazioni tra Mosca e Washington è legata alle indagini sull'ingerenza del Cremlino nelle elezioni americane, il cosiddetto Russiagate.

Correlati:

Mosca ribadisce volontà di cooperare con gli USA su questioni di attualità
Trump: non sono stato tenero con Putin
Ucraina in negoziati con Ue e Usa per imporre sanzioni verso porti russi nel Mar Nero
Tags:
Diplomazia Internazionale, Geopolitica, Politica Internazionale, Gas, Petrolio, Energia, Economia, sanzioni antirusse, Russiagate, Senato degli USA, Chevron, ExxonMobil, Congresso USA, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik