08:57 18 Luglio 2018
Bandiera cinese e americana

S&P svela dei rischi di escalation della guerra commerciale tra USA e Cina

© AP Photo / Ted S. Warren
Economia
URL abbreviato
170

L’escalation della guerra commerciale tra USA e Cina può essere aggravata da rischi per gli investimenti e per la crescita economica, con la Russia meno esposta ad essa, ha detto a Sputnik l'economista senior della agenzia di rating internazionale S & P Tatiana Lysenko.

Il reciproco aumento dei dazi doganali tra gli Stati Uniti e la Cina è entrato in vigore il 6 luglio. Gli Stati Uniti hanno imposto un dazio del 25% sulle importazioni di 818 merci dalla Cina per un valore totale di $34 miliardi. Come contromisura, lo stesso giorno, la Cina ha introdotto un dazio del 25% sulle importazioni di una quantità equivalente per il valore delle merci americane.

"Nel giro di due settimane, sono apparsi piani statunitensi di imporre dazi addizionali, che riguardano l'importazione di merci per un importo di $16 miliardi. Così, le tariffe colpiranno l'import dalla  Cina per un importo di $50 miliardi. La risposta della Cina saranno dei dazi del 25% sulle importazioni statunitensi di prodotti agricoli, automobili e frutti di mare" ha ricordato Lysenko.

Dal punto di vista degli economisti, questo round di dazi non avrà un impatto significativo sull'economia americana e cinese, così come sul commercio mondiale. Tuttavia, v'è una minaccia di un ulteriore aggravamento della guerra commerciale: gli Stati Uniti stanno discutendo l'introduzione di una tariffa del 10% sulle importazioni di merci provenienti dalla Cina per un valore di $200 miliardi di dollari, ha detto.

"Una guerra commerciale su larga scala è associata a rischi notevoli: destabilizzazione di catene di produzione, impatto sulle imprese e la fiducia dei consumatori, che in ultima analisi, potrebbe avere un effetto negativo sugli investimenti e la crescita economica" avverte Lysenko.

"La Russia è stata già colpita da misure protezionistiche degli Stati Uniti (dazi di ingresso per alluminio e acciaio). Anche in questo caso, l'effetto diretto delle tariffe è poco significativo. Inoltre, la Russia, così come altri mercati emergenti, è stata colpita dalla reazione degli investitori stranieri, che rispondono alla maggiore incertezza ritirando il capitale da attività più rischiose" ha aggiunto l'interlocutore dell'agenzia.

Allo stesso tempo, secondo S&P, rispetto ad altri mercati emergenti, la Russia è meno esposta ai rischi associati a una guerra commerciale su vasta scala. "L'integrazione della Russia nelle catene di produzione internazionali è piuttosto limitato per quanto riguarda la reazione dei mercati finanziari; l'economia della Russia è meno dipendente dagli afflussi di capitali esteri, in quanto Mosca ha un surplus nel bilancio del commercio con un forte equilibrio esterno" ha detto.

Correlati:

La Russia ha introdotto ulteriori dazi sui prodotti americani
Effetti complessi della guerra sui dazi
La Cina ha introdotto dazi sui prodotti americani
Turchia inizia a imporre nuovi dazi sulle merci importate dagli USA
Tags:
Aumento delle tariffe, Tariffe doganali, dazi, tariffe doganali, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik