06:59 20 Ottobre 2018
Banca centrale della Russia

Esperti sulla capacità della Russia ad affrontare una nuova crisi economica

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Economia
URL abbreviato
1100

La minaccia della crisi finanziaria globale esiste davvero a causa dei problemi irrisolti del debito degli Stati Uniti e di molti altri paesi. Lo hanno detto a Sputnik gli esperti.

Gli esperti ritengono che questa situazione possa colpire la Russia in caso di un crollo dei prezzi del petrolio, tuttavia, la severa politica della Banca centrale e gli "airbag" creati dal ministero delle Finanze dovrebbero attenuare lo shock causato dai cambiamenti nella congiuntura esterna.L'agenzia Bloomberg martedì ha riferito che gli esperti di Bank of America, sulla base dell'analisi delle tendenze, prevedono una possibile ripetizione della crisi del 1998.

Allo stesso tempo, il primo vice presidente della Banca di Russia, Ksenia Yudaeva, mercoledì ha avvertito della possibilità di nuovi shock nel sistema finanziario globale, anche a causa delle misure protezionistiche nel commercio. Ella ha osservato che le misure a sostegno delle industrie, tuttavia, hanno contribuito ai buoni risultati dello scorso anno per l'intera economia mondiale.

"Penso che se esiste una minaccia di crisi, essa sarà come quella del 2008 perché i problemi legati al debito di una serie di paesi non sono stati risolti. Inoltre, per scappare da questa crisi gli americani hanno deciso di aprire tutti i tipi di finanziamento: tassi di interesse bassi, aumento del deficit di bilancio. Se questo accadrà di nuovo non ci saranno strumenti per contrastarlo", ha detto Oleg Vyugin, docente presso la facoltà di economia della National Research University — Higher School of Economics di Mosca.

Secondo Vyugin, la Russia potrebbe risentire della crisi attraverso un calo dei prezzi del petrolio, possibile con il calo della domanda mondiale di energia.

"Se ci sarà una brusca correzione del crollo dei mercati cadono, del calo della domanda, il prezzo del petrolio tornerà ai livelli più bassi — 20, 25, 30 dollari al barile. Di conseguenza, ci sarà di nuovo una minaccia di ulteriore svalutazione", ha sottolineato l'economista.

Tuttavia, la Russia può resistere alla crisi costruendo il suo "airbag": le riserve internazionali russe hanno già superato i 450 miliardi di dollari. 

"Non c'è niente per contrastare lo scarto. Ma una delle varianti è quello che sta facendo ora il governo, cioè creare delle riserve. Non possiamo farci nulla, non ci si può isolare dal mondo. Perciò bisogna perseguire una politica economica equilibrata, che è quello che sta facendo il governo", ha osservato l'esperto.

Una delle misure per affrontare gli shock globali è anche la politica conservatrice della Banca di Russia, ritiene Anatoly Aksakov, presidente della commissione parlamentare per il mercato finanziario.

"La Banca centrale persegue una politica conservatrice, regolando rigidamente i mercati finanziari. Di conseguenza, se succede qualcosa, gli shock esterni non avranno un impatto duro sulla Russia", crede Aksakov.

Egli è sicuro che in ogni caso non ci sarà una crisi su vasta scala dell'economia mondiale né in questo né nel prossimo anno.

"Le crisi sono crisi perché non possono essere previste. Se sapessimo quando accadrebbero, ci prepareremmo in anticipo" ha osservato l'esperto.    

Correlati:

Sanzioni contro la Russia: “Noi le provochiamo e uccidiamo la nostra economia”
SPIEF 2018 - L'economia della fiducia tra Russia e Italia per abbattere le sanzioni
Trump definisce Cina e Russia minacce per l'economia e i valori degli Stati Uniti
Tags:
esperti, crisi, Economia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik