12:58 22 Luglio 2018
Il presidente statunitense Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping

USA pronti ad annientare chiunque aiuti la Cina a raggiungerli

© AFP 2018 / NICOLAS ASFOURI
Economia
URL abbreviato
305

Michael Every, economista, ha commentato per Sputnik la possibile guerra economica tra UE e Cina. Secondo il Wall Street Journal l’amministrazione Trump potrebbe imporre limitazioni contro le società cinesi che investono nel settore hi-tech per contrastare i tentativi di Pechino di diventare leader tecnologico mondiale.

Sputnik: Pensi che il presidente Trump continuerà a imporre restrizioni alle ditte cinesi?

Michael Every: Non è sorprendente. Questo è noto da tempo. Dal punto di vista della lotta strategica tra Stati Uniti e Cina per il futuro economico, in particolare nel settore delle alte tecnologie, senza esculdere una egemonia globale in senso più ampio, non capisco come sia possibile consentire alle aziende cinesi semplicemente andare negli Stati Uniti e comprare le ultime tecnologie, che non hanno sviluppato.

Sputnik: quale risposta possiamo aspettarci da Pechino?

Michael Every: Pechino non può rispondere specularmente, perché la tecnologia cinese non viene mai venduta all'estero. Questo è il punto cruciale del problema: la Cina può acquistare liberamente ciò che vuole in paesi come gli Stati Uniti, ma nessuno può fare lo stesso in Cina.

Sputnik: Secondo il presidente Trump, queste misure hanno lo scopo di impedire alla Cina di diventare un leader mondiale nella tecnologia. Se queste misure avranno effetto, in che modo ciò influenzerà le intenzioni della Cina?

Michael Every: Questo li rallenterà drammaticamente. La Cina molto denaro, risorse e un enorme talento. Tuttavia, in larga misura, la velocità con cui era ancora in movimento dipendeva dai successi (tecnologici) dei giganti.

Rubano informazioni attraverso lo spionaggio industriale o semplicemente le comprano attraverso fusioni e acquisizioni di società. La Cina può fingere di concludere un'operazione di fusione e acquisizione e ridisegnare le merci, ispezionando l'impresa e poi allontanarsi da questo particolare settore. Naturalmente, altri meccanismi simili gli consentono di accedere a tecnologie che la Cina avrebbe impiegato anni per sviluppare.

Sputnik: se la tensione tra Washington e Pechino continuerà a crescere, quali altri paesi potrebbero guadagnarci dall'assenza della Cina nel mercato statunitense?

Michael Every: Qui ci sono varie opzioni. Parlando di società europee, giapponesi o russe, qualsiasi azienda high-tech che offrirà un'alternativa, la Cina lo accetterà volentieri. Ma nel caso di ciascuna struttura nazionale, ciascuna di esse dovrà a porsi la stessa domanda delle società statunitensi, vale a dire: "vendendo alla Cina rimarremo leader tecnologici tra cinque anni? "Non credo che davanti alla Cina c'è una lunga fila di paesi a chiedere per favore, Cina, compra la nostra tecnologia invece di quella americana".

Sputnik: Mentre gli Stati Uniti stanno promuovendo la loro dura posizione contro Pechino, la Cina sta cercando di allentare le tensioni. Quali sono i due paesi che stanno cercando di trarre vantaggio in questo senso?

Michael Every: la Cina sta cercando di prevenire questa crisi, solo perché beneficia dell'attuale struttura delle relazioni e dell'attuale paradigma. L'ultima cosa che la Cina vuole sono i cambiamenti, perché ora tutto le si addice completamente.

Dal punto di vista degli Stati Uniti, è piuttosto il contrario. Gli Stati Uniti hanno perso, Trump parla di questo ancora e ancora. Trump userà tutti i mezzi possibili per tentare in qualche modo di distruggere il paradigma esistente, che si tratti del sistema commerciale globale, del libero flusso di capitali, della libera circolazione delle merci, di tutto ciò che sarà necessario.

Pare, sottolineo "pare", che siamo arrivati al punto che gli Stati Uniti sono pronti a distruggere qualsiasi cosa, affinché la Cina non li raggiunga.

Sputnik: Quanto siamo vicini alla guerra commerciale?

Michael Every: Sembra che siamo alle sue fasi iniziali. Le "truppe" stanno preparando le loro armi, i "generali" dispongono le mappe e iniziano a indicare diversi punti strategici. Non è ancora iniziato, perché le tariffe non sono state ancora pienamente implementate. Ma se vediamo la loro crescita, nel caso della Cina da 50 miliardi di dollari potrebbero arrivare a 250 o anche a 450 miliardi, allora possiamo dire che la guerra commerciale è iniziata. E se la stessa cosa accadrà negli Stati Uniti e in Europa per quanto riguarda l'esportazione di automobili, allora inizierà una guerra commerciale mondiale.

Sputnik: Cosa ne pensi della dichiarazione di Donald Trump secondo cui le guerre commerciali sono "buone" e "facili da vincere"?

Michael Every: Nel breve periodo, ci saranno grosse perdite; l'economia di ogni partecipante si indebolirà, anche l'economia globale ne risentirà. Da un punto di vista strategico a lungo termine, come penso ritenga Trump, i paesi che sono grandi importatori netti, come gli Stati Uniti, trarranno beneficio dalla guerra commerciale a lungo termine. Si spostaranno lavori e produzione dalla Cina, anche se negli Stati Uniti lavoreranno i robot, si farà meno affidamento sulla Cina, diventeranno una struttura nazionale più indipendente, il deflusso del tuo capitale verso il paese l'avversario si ridurrà.

Sputnik: come possono le compagnie americane che operano in Cina evitare i rischi che accompagnano le misure promosse da Washington?

Michael Every: Penso che sia impossibile. Possono esercitare un'influenza aggressiva durante le elezioni a medio termine, sperando che i democratici vinceranno. Ma credo che, a lungo termine, i venti politici, da un punto di vista bipartisan, non soffieranno nella direzione della cooperazione economica tra Stati Uniti e Cina.

Credo sinceramente che per molte aziende sarà ora ragionevole pensare a come minimizzare il rischio e ridurre al minimo la presenza della Cina, perché ritengo impossibile ripristinare relazioni amichevoli e rafforzare la cooperazione tra i due stati.

Correlati:

USA indicano la carta vincente di Cina e Russia in caso di guerra
Dove porterà la guerra commerciale tra USA e Cina?
La Cina accusa gli USA di voler scatenare una guerra commerciale
Brasile, moneta di scambio nella guerra commerciale di USA e Cina
Tags:
Donald Trump, Spionaggio, Tecnologia, Aumento delle tariffe, Commercio, Spionaggio industriale, tecnologia, Tariffe doganali, guerra commerciale, Spionaggio, tecnologia, tariffe doganali, guerra commerciale, Sputnik, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik