23:39 23 Settembre 2018
Bandiera della Francia

Sanzioni contro la Russia: “Noi le provochiamo e uccidiamo la nostra economia”

© AFP 2018 / PATRICK KOVARIK
Economia
URL abbreviato
9230

Secondo il vice presidente dell’Associazione per il dialogo franco-russo Bernard Lozé nella regione francese della Bretagna molte piccole imprese del settore alimentare e di altri settori sono a rischio bancarotta a causa delle sanzioni contro la Russia.

Il presidente francese ha escluso la possibilità di abolire le limitazioni economiche imposte alla Russia, il che, secondo Bernard Lozé, costringe la Francia ad auto-danneggiarsi se Parigi continuerà una politica simile.

"Io sono contro le sanzioni. Molti miei amici in tutti i Paesi europei sono contro. Non solo per l'economia ma anche perché, come sappiamo, mettono a dura prova la fiducia reciproca e distruggono i legami di amicizia. Se vi sono problemi politici, che li risolvano i politici e non si faccia scoppiare una guerra sui generis. Io difendo l'amicizia con il popolo russo", ha dichiarato Lozé nell'intervista a Sputnik.

Bernard Lozé partecipa da alcuni anni al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Lavora da 30 anni con la Russia per rafforzare le relazioni fra i due Paesi e contribuisce allo sviluppo del dialogo franco-russo.

"Fra la Russia e la Francia, fra la Russia e l'Europa vi sono legami molto stretti che, indipendentemente dalle sanzioni, non sono stati spezzati. Nonostante le sanzioni continuano ad essere firmati accordi e contratti. Le sanzioni costano molto più care all'Europa e alla Francia che alla Russia. In Bretagna molte piccole imprese del settore alimentare e di altri settori si trovano sull'orlo della bancarotta perché prima vendevano il 40-50-60% della propria produzione alla Russia e oggi non possono più farlo. Noi abbiamo provocato questo e stiamo uccidendo la nostra economia", ha dichiarato Lozé nell'intervista a Sputnik.

"In Russia vi sono moltissime compagnie francesi […] ed europee che stanno riscattando anche oggi una parte dell'imprenditoria in Russia", ha sottolineato il vice presidente dell'Associazione.

Secondo lui la Francia deve cercare di dialogare con la Russia. Inoltre vi sono francesi che non hanno dimenticato che "durante la Prima guerra mondiale i russi hanno pagato un prezzo molto alto e, se i russi non si fossero scontrati con i tedeschi, avremmo perso la battaglia della Marne. E nella Seconda guerra mondiale sono morti 27 milioni di russi".

Tags:
Sanzioni, Intervista, Russia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik