13:53 26 Maggio 2018
Roma+ 26°C
Mosca+ 18°C
    Alluminio prodotto in Russia

    Analista valuta le prospettive delle sanzioni USA contro la Russia

    © REUTERS / Ilya Naymushin/File Photo
    Economia
    URL abbreviato
    0 12

    La decisione del Dipartimento del Tesoro americano di prorogare per gli investitori i tempi di uscita dagli asset controllati dall'uomo d'affari russo Oleg Deripaska dimostra la volontà di Washington di ascoltare argomenti ragionevoli, ritiene l'analista senior di Alpari Vadim Iosub.

    In precedenza il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti aveva prorogato per gli investitori la data per uscire dalle società Rusal, En + e Gaz fino al 6 giugno, al posto del previsto 7 maggio.

    Questa notizia, secondo l'analista, è sicuramente positiva per il business di queste aziende. "In primo luogo emerge una politica di sanzioni più morbida. E' evidente che Washington sia pronta in qualche modo a mitigare le sanzioni, ascoltando gli argomenti ragionevoli almeno dei suoi alleati europei sull'impossibilità di uscire da questi investimenti senza subire gravi perdite. In secondo luogo bisogna considerare le dichiarazioni di Washington, secondo cui queste sanzioni non sono tanto contro il settore russo dell'alluminio, ma ad personam contro Oleg Deripaska," — Iosub ha dichiarato a Sputnik.

    "E nel caso di ristrutturazione della società, con la riduzione delle quote dell'oligarca caduto in disgrazia in Occidente, le sanzioni potrebbero essere in generale tolte. L'allungamento dei tempi in questo senso garantisce margini di manovra supplementari", — ipotizza l'esperto.

    Correlati:

    Rusal vola in borsa: capitalizzazione cresciuta di oltre 1 miliardo € in due giorni
    Rusal guarda alla Cina dopo la perdita del mercato americano per le sanzioni
    Prezzo dell'alluminio in crescita a causa delle sanzioni USA contro Rusal
    Tags:
    sanzioni antirusse, Economia, Economia della Russia, Politica Internazionale, Rusal, Dipartimento del Tesoro, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik