07:18 21 Maggio 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 7°C
    Bandiera della Cina

    Asia Times spiega perché l'Europa non è felice della Nuova Via della Seta di Pechino

    © AP Photo / Ng Han Guan
    Economia
    URL abbreviato
    948

    I Paesi con le economie più forti temono che la Cina da imitatore possa trasformarsi in un vero concorrente, scrive il giornalista Pepe Escobar su Asia Times.

    Gli ambasciatori di quasi tutti i Paesi UE a Pechino hanno preparato un "rapporto interno", in cui criticano il progetto cinese della Nuova Via della Seta per il perseguimento di obiettivi di politica interna. Tuttavia escludendo come la pensano a Bruxelles e a livello di comunità europea, ogni singolo Paese della UE avrebbe il proprio vantaggio dall'iniziativa cinese.

    "In fin dei conti l'antica Via della Seta non è mai stata esclusivamente cinese. Queste rotte non possono appartenere ad una nuova egemonia, pronte a trasformare in vassalli i Paesi attraverso cui si snodano queste rotte", — ha detto Macron.

    Secondo l'autore dell'articolo, la maggior parte dei Paesi europei non sembrerebbero opporsi alla partecipazione nel progetto cinese e non sono spaventati da quanto descritto in questo rapporto. L'essenza delle paure della UE si trova dove la Nuova Via della Seta interagisce con un altro programma cinese: "Made in China: 2025".

    Correlati:

    USA possono ostacolare la Cina nel superare l'Occidente nella produzione di chip?
    La Cina propone di fare i conti con la Russia con le valute nazionali
    Bloomberg rivela come la Cina si sta comprando l'Europa
    "La via della Seta" e gli orizzonti cinesi del XXI secolo
    La nuova via della seta attraverserà la Siria
    La Nuova Via della Seta entra nella fase operativa
    Tags:
    Borsa&Mercati, Economia, Tecnologia, Commercio, Occidente, Unione Europea, UE, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik