11:22 18 Novembre 2018
Il parlamento del Portogallo, Lisbona

Alzandosi dalla "spazzatura": come il Portogallo ha fatto ripartire l'economia

© AP Photo / Armando Franca
Economia
URL abbreviato
0 17

Dopo la crisi globale del 2008, l'economia portoghese ha attraversato momenti molto difficili, ma le misure adottate dal governo negli ultimi 7 anni hanno permesso al Paese di rialzarsi e mettersi nel cammino della ripresa.

Il 20 aprile l'agenzia internazionale di rating Moody's, che nel 2011 aveva declassato il debito sovrano portoghese come "spazzatura", doveva rivedere la sua decisione riportando il debito sovrano del Portogallo a livello d'investimento. Tuttavia la revisione del rating del Portogallo è stata posticipata al 12 ottobre. In un'intervista con l'edizione brasiliana di Sputnik gli esperti ed economisti hanno spiegato cosa ci si può aspettare dalla correzione del rating e cosa significa per l'immagine del Paese sulla scena mondiale e per il comune cittadino portoghese.

Secondo Moody's, il rating attuale del Portogallo è Ba1, il punteggio più alto tra quelli considerati "spazzatura" e speculativi. Si prevede che alla prossima revisione il Paese raggiungerà il livello di investimento con il rating Baa3.

Questo significa che il Portogallo può tornare ad essere considerato un Paese affidabile per gli investimenti dopo una permanenza di 7 anni a livello speculativo, ad un livello "spazzatura", una situazione che colpisce l'economia ed ha un impatto negativo sulla vita delle persone.

"L'attuale valutazione significa che gli investimenti non sono sicuri, in altre parole, c'è un alto fattore di rischio. Questo implica una minore fiducia nell'economia, che può portare a meno investimenti o ad un uso più aggressivo delle risorse interne. Nel caso del Portogallo, questo significava il declino delle condizioni sociali ed economiche, che ora lentamente, ma sono in ripresa", spiega Cátia Miriam Costa, analista del Centro per Istituto Superiore Internazionale di Lisbona (Centro de Estudos Internacionais do ISCTE).

Già a febbraio Evan Wohlmann, analista senior e vicepresidente di Moody's, aveva parlato positivamente della ripresa economica del Portogallo. Per gli interlocutori di Sputnik, è un riconoscimento del processo legato al rigore.

João Duque, economista e presidente della Scuola Superiore di Economia e Management dell'Università di Lisbona, osserva che la ripresa economica del Paese è iniziata con il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla Troika. Nel 2011, quando l'agenzia di Moody's ha sancito il downgrade del Portogallo, lo Stato non aveva le risorse per finanziare i programmi di bilancio per gli effetti della crisi del 2008. Il Paese "è precipitato nel baratro", ha ricordato l'economista. Il programma della Troika prevedeva un prestito da 78 miliardi di euro e una serie di misure economiche d'austerità, che hanno portato a tagli in tutti i settori e all'aumento delle tasse.

"La gente si è sacrificata", ha sottolineato Duque.

Tuttavia queste misure hanno aiutato.

"Proprio da questo momento ci siamo messi sulla strada della ripresa, l'approccio è stato sistematico: ridurre la spesa pubblica, aumentare le tasse in maniera molto decisa. Abbiamo preso provvedimenti per affrontare la situazione attuale ", spiega l'economista João Duque.

Tre anni dopo aver ricevuto l'assistenza finanziaria dalla Troika, il Portogallo è uscito con successo dal piano di salvataggio: l'erogazione dell'assistenza finanziaria straniera è stata interrotta senza ricorrere ad altre misure di sostegno. Nel 2015 il Paese ha iniziato a rimborsare anticipatamente parte del prestito al Fondo Monetario Internazionale.

"Questo ha portato i creditori ad essere più fiduciosi che se tutto continuerà così, il Portogallo potrà servire bene il suo debito", ha affermato João Duque.

La revisione del suo rating al rialzo farà anche bene all'immagine del Portogallo a livello internazionale.

Tags:
Agenzie di rating, Finanze, Economia, Crisi finanziaria, Unione Europea, Portogallo, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik