01:08 22 Agosto 2018
Petrolio

Svelati i nomi dei più grandi compratori di petrolio russo

© Sputnik . Iliya Pitalev
Economia
URL abbreviato
2291

La rivista Forbes ha stilato la classifica dei 20 principali compratori di petrolio russo nel 2018.

Il primo posto della classifica è della società Litasco, una società del gruppo LUKOIL, che ha acquistato 35,9 milioni di tonnellate per un valore di 12,9 miliardi di dollari, segnala la rivista.

Il secondo posto è occupato dalla compagnia cinese China National United Oil Corporation. La società cinese ha acquistato 28,9 milioni di tonnellate di petrolio per un valore complessivo di 11 miliardi di dollari.

Il terzo posto è della società commerciale Rosneft Trading del gruppo Rosneft, che ha comprato 22,2 milioni di tonnellate di petrolio per 8,3 miliardi di dollari.

Al 4° posto c'è la società commerciale del gruppo francese Total, (19,1 milioni di tonnellate per 7,2 miliardi di dollari), al 5° la società del gruppo Tatneft, che ha aumentato nel 2017 il volume degli acquisti a 12,6 milioni di tonnellate, pari a 4,6 miliardi di dollari.

Al 6° posto si trova la Shell con 9 milioni di tonnellate di petrolio per 4 miliardi di dollari, seguito dalla Glencore con un volume di acquisti di 11,2 milioni di tonnellate per 4 miliardi di dollari e la compagnia petrolifera Orlen (10,4 milioni di tonnellate per 3,8 miliardi di dollari).

Al 9° posto della classifica c'è la new entry QHG Trading del Qatar. L'anno scorso la società aveva acquistato 7,7 milioni di tonnellate di petrolio russo per 2,6 miliardi di dollari.

Chiude la top-ten uno dei maggiori operatori trader di petrolio, la Vitol, i cui acquisti sono stati pari a 6,9 milioni di tonnellate, ovvero 2,5 miliardi di dollari.

Seguono Sakhalin Energy, la raffineria petrolifera Mozyr, Concept Oil, British Petroleum, Unipec Asia Company, Trafigura, ENI Trading & Shipping, Naftan, Belarusian Oil Company e la cinese ChemChina.

Ricordiamo che la scorsa settimana i prezzi del petrolio mondiale sono saliti ai massimi da dicembre 2014 sullo sfondo della crisi siriana.

Tags:
Economia della Russia, Energia, Petrolio, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik