21:57 18 Agosto 2018
La bandiera della Cina

Esperti: la Cina ha vinto la battaglia con gli USA per il petrolio in Iraq

© Sputnik . Eugeniya Novozhenina
Economia
URL abbreviato
7410

Dopo la guerra con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna in Iraq la Cina è diventata il ​​più grande importatore di petrolio iracheno e i piani americani per stabilire il controllo sull'industria petrolifera irachena sono falliti. Lo hanno affermato gli esperti russi e cinesi intervistati da Sputnik.

Uno degli obiettivi principali degli Stati Uniti in Iraq era il petrolio, la principale ricchezza del paese. Il calcolo è stato fatto per ottenere il controllo sulla sua produzione, l'esportazione, così come la privazione del libero accesso ai loro principali concorrenti nel mercato mondiale, in particolare la Cina. Successivamente, gli USA si sono posti un obiettivo simile in Libia e in Siria. In Iraq hanno fallito e la Cina è diventata il principale importatore di petrolio iracheno, comprando più della metà della produzione locale. Quasi tutte le maggiori compagnie cinesi lavorano nei giacimenti iracheni.

"La Cina non interferisce negli affari interni dell'Iraq, si occupa solo di petrolio. Pechino persegue solo interessi economici… I cinesi in Iraq, come in molti paesi, in particolare in Africa e in Medio Oriente, conducono una tranquilla espansione economica. L'influenza cinese è in crescita in tutto il mondo… e gli Stati Uniti non possono farci nulla, perché le aziende occidentali non possono offrire le condizioni favorevoli che danno le imprese cinesi", ha detto il politologo russo Igor Shatrov.

La Cina è riuscita a volgere a proprio favore le sfide della guerra americana in Iraq per migliorare le relazioni tra Pechino e Bagdada, pensa Ji Kaiyun dell'università del Sud-Ovest.

"Il governo cinese ha trasformato la crisi e le sfide in una forza trainante… Ha condannato l'invasione ingiusta e ingiustificata della coalizione anglo-americana in Iraq. Inoltre, ha liberato il paese da una parte del debito e nonostante i rischi politici interni la Cina ha continuato ad investire nello sviluppo dell'economia irachena e la ricostruzione post-bellica… Le importazioni consentono all'Iraq di ricevere i fondi necessari per proteggere la sua indipendenza e la sua unità", ha spiegato l'esperto.

"Le relazioni tra Pechino e Bagdad sono basate sul pragmatismo economico. Cioè sulla partecipazione allo sviluppo dell'industria petrolifera in Iraq, alla promozione degli investimenti cinesi, sugli interessi finanziari e politici. Questa politica porta profitto alla Cina. Gli Stati Uniti non possono impedire la crescita dell'inflenza cinese nella regione, malgrado stiano imponendo la loro con la forza", pensa Boris Dolgov dell'Istituto di Studi Orientali dell'Accademia Russa delle Scienze

Gli esperti ritengono che in Siria, come a suo tempo in Iraq, è possibile in un prossimo futuro attendersi l'attivazione della diplomazia economica della Cina. Nonostante i rischi politici e commerciali e militari il capitale cinese è in grado di conquistare anche il mercato siriano. Soprattutto quello petrolifero.

Correlati:

Gli USA raccolgono alleati per la guerra commerciale contro la Cina
Cina e Russia si sbarazzano di obbligazioni di stato USA
La Cina opporrà fiera resistenza in caso di guerra commerciale con USA
Tags:
Importazioni, Petrolio, Investimenti, capitale, USA, Iraq, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik