07:33 26 Aprile 2018
Roma+ 9°C
Mosca+ 7°C
    Gas

    Il FMI spiega perchè in Ucraina devono aumentare le tariffe del gas per la gente

    CC0 / Pixabay
    Economia
    URL abbreviato
    15016

    Il rappresentante del Fondo Monetario Internazionale in Ucraina Gosta Ljungman in un'intervista ad un media locale ha spiegato il motivo per cui le autorità ucraine devono aumentare i prezzi del gas per la gente comune.

    Secondo il funzionario del FMI, il prezzo del gas per gli ucraini dovrebbe essere lo stesso di quello degli importatori, perché nel caso nel mercato ci siano tariffe diverse, potrebbero crearsi le condizioni per la corruzione.

    "Ad esempio è possibile acquistare gas a un prezzo inferiore per le famiglie e quindi rivenderlo ad un prezzo maggiorato alle industrie, intascando la differenza", ha detto.

    Come sottolineato da Ljungman, anche la vendita di gas a prezzi inferiori al mercato è inefficiente dal punto di vista delle famiglie meno abbienti. Alla fine i ricchi con grandi case che consumano molto gas diventano i beneficiari principali del sistema con un prezzo particolarmente basso per la popolazione.

    "Il punto di partenza dovrebbe essere la vendita del gas ad un prezzo di mercato, al fine di utilizzare le entrate aggiuntive ricevute dai consumi delle famiglie ricche per rafforzare il sistema di sussidi pubblici. E' importante garantire e monitorare che i beneficiari siano davvero le famiglie più vulnerabili e povere," — ha chiarito Ljungman.

    Il FMI ha presentato quattro richieste a Kiev da soddisfare per ricevere la prossima tranche. Le autorità ucraine dovrebbero creare un tribunale anticorruzione, risolvere il problema dei prezzi del gas, adottare la riforma del sistema previdenziale e una legge sulla privatizzazione. L'Ucraina ha implementato gli ultimi due punti.

    Correlati:

    Naftogaz accusa gli ucraini di consumare troppo gas
    Tags:
    società, Economia, Energia, gas, Fondo Monetario Internazionale, FMI, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik