08:36 11 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
2100
Seguici su

Il ministro dell'Economia e del Commercio Estero siriano Samer Khalil ha concesso un'intervista a Sputnik.

Il ministro dell'Economia e del Commercio Estero siriano Samer Khalil ha detto a Sputnik che "Russia e la Siria stanno lavorando per sviluppare la cooperazione economica tra i due Paesi. Si tratta di una delle fasi del lavoro per la ricostruzione della Siria, iniziata dopo i successi dell'esercito siriano e la stabilità ritornata nella maggior parte del Paese".

Il ministro ha osservato che attualmente sono in corso trattative a livello di governo e società private per determinare l'ammontare degli investimenti e le aree in cui saranno indirizzati. Tutto questo dovrebbe contribuire alla ripresa e allo sviluppo dell'economia siriana. E' previsto inoltre l'aumento degli scambi commerciali bilaterali. Per raggiungere questo obiettivo si sta preparando il progetto per creare punti di vendita permanenti di prodotti russi in Siria e prodotti siriani in Russia. I produttori siriani dovrebbero approfittare delle tariffe preferenziali esistenti per entrare con successo nel mercato russo.

Secondo il ministro dell'Economia siriano, il rafforzamento della cooperazione economica tra Russia e Siria aiuta il popolo siriano nella lotta contro il terrorismo.

"Il governo della Federazione Russa ed il suo popolo forniscono tutta l'assistenza per rigenerare la Siria per ristabilire la stabilità e la pace il prima possibile", ha detto il ministro siriano Samer Khalil.

Correlati:

La Cina vuole avere un ruolo più attivo nella ricostruzione della Siria
SPIEF 2017, le aziende russe parteciperanno alla ricostruzione in Siria
Cina e Siria verso cooperazione nella lotta al terrorismo e ricostruzione infrastrutture
Siria, Ghanem: daremo priorità alla Russia nella ricostruzione del settore energetico
Tags:
Cooperazione, Commercio, Economia, Geopolitica, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Samer Khalil, Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook