23:38 19 Novembre 2018
I soldi russi

Esperto: l'impatto delle sanzioni sull'economia russa sta diminuendo

© Sputnik . Vladimir Trefilov
Economia
URL abbreviato
281

L'impatto delle sanzioni occidentali sull’economia russa si riduce di anno in anno, e ora ammonta a circa 0,5-1% del PIL. Lo ha dichiarato il direttore del Centro di studi sul commercio internazionale dell’Accademia russa delle scienze Alexander Knobel.

"Le sanzioni hanno il loro impatto sui ritmi della crescita dell'economia. Questo impatto diminuisce di anno in anno. Nel 2015 era dell'1 all'1,5%, mentre ora si aggira intorno allo 0,5% al ​​1% del PIL", ha detto l'esperto in una conferenza tenutasi oggi presso l'agenzia stampa Rossiya Segodnya.

Knobel ha affermato che l'esistenza delle sanzioni non è un problema, in quanto il mercato si è adattato a loro. Egli ha anche notato che la recentemente pubblicazione negli Stati Uniti del "dossier Cremlino" induce gli operatori di mercato a rivedere il loro atteggiamento al rischio a causa dell'incertezza.

Il 30 gennaio, il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha pubblicato la Kremlin List, che comprende quasi 200 persone tra politici e imprenditori russi. L'elenco è stato preparato in conformità con la legge sulla"lotta contro i nemici dell'America attraverso le sanzioni" (CAATSA), adottata negli Stati Uniti nell'estate del 2017. Non implica automaticamente sanzioni contro le persone menzionate, ma implica che in futuro potranno essere introdotte misure restrittive nei loro confronti.

Correlati:

In Crimea manifestazione contro le sanzioni occidentali
L'Ucraina ha perso la metà del PIL a causa delle sanzioni contro la Russia
Camera Commercio franco-russa stima impatto sanzioni su cooperazione tra i due paesi
Tags:
mercato, crescita, Economia, Sanzioni, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik