13:05 24 Febbraio 2018
Roma+ 10°C
Mosca-10°C
    Le bandiere di Russia, UE e Francia sulla promenade di Nizza

    Camera Commercio franco-russa stima impatto sanzioni su cooperazione tra i due paesi

    © Sputnik. Vladimir Sergeev
    Economia
    URL abbreviato
    0 20

    Le sanzioni non hanno costretto le aziende francesi ad abbandonare la Russia. Lo ha dichiarato il direttore della Camera di Commercio franco-russa Pavel Shinskiy.

    "Il risultato più importante per il business francese, per quanto posso giudicare, è che nessuna società ha lasciato il territorio della Federazione Russa fin dall'inizio della crisi, e le sanzioni non hanno costretto nessuna azienda a farlo", ha detto ai giornalisti Shinskiy dopo l'incontro fra il governatore della Regione di Mosca Andrey Vorobyov e l'ambasciatore francese Silvie Berman.

    Shinskiy ha osservato che, a causa delle sanzioni esistenti, nuove aziende francesi sono interessate al mercato russo.

    Le relazioni tra la Federazione Russa e i paesi occidentali sono peggiorate a causa della situazione in Ucraina e in Crimea. L'Occidente ha accusato la Russia di essere responsabile della destabilizzazione della situazione ed ha introdotto le sanzioni contro le persone fisiche e giuridiche russe. Mosca come contromisura ha introdotto l'embargo sui prodotti alimentari provenienti da quei paesi che hanno adottato le sanzioni. Di recente, nei paesi dell'UE sta crescendo l'opinione che sia necessario revocare le sanzioni contro la Russia.

    Correlati:

    Ambasciatore ucraino considera tradimento l’ allentamento delle sanzioni contro Russia
    Russia, Rogozin: a causa delle sanzioni persi miliardi di dollari
    Germania: le perdite stimate per le sanzioni anti-russe ammontano a €100 miliardi
    Tags:
    Sanzioni, commercio, relazioni, Francia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik