04:55 16 Luglio 2018
Centrali termoelettriche a carbone (foto d'archivio)

In Francia verranno smantellate tutte le centrali a carbone entro il 2021

© East News / imago stock&people
Economia
URL abbreviato
102

Secondo i piani di Parigi, tutte le centrali a carbone saranno sostituite da fonti di energia rinnovabile o impianti nucleari.

Alle condizioni attuali, le centrali a carbone sono troppo costose per la manutenzione e per essere costruite: è più profittevole demolire gli impianti esistenti e costruire ex novo nuove centrali con altri combustibili.

Durante il Forum Economico Mondiale a Davos il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che entro il 2021 la Francia si sbarazzerà completamente delle centrali a carbone. In questo modo ha deciso di accelerare rispetto ai piani del suo predecessore all'Eliseo Francois Hollande, che aveva fissato lo stesso obiettivo ma entro il 2023.

Questa promessa può sembrare piuttosto ambiziosa, ma la Francia ha già compiuto progressi significativi in questa direzione. Ora il Paese riceve la maggior parte della sua energia dai reattori nucleari e dalle centrali idroelettriche.

Correlati:

Sindaco di Mosca dice basta agli autobus a diesel: dal 2021 solo mezzi pubblici elettrici
La Russia sceglie i motori elettrici, stop alle auto a benzina nelle grandi città
Tags:
Nucleare, Economia, Società, Inquinamento, Ambiente, Energia, Carbone, Emmanuel Macron, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik