Widgets Magazine
08:57 19 Ottobre 2019
Il ministro dell'Energia russo Alexander Novak

Novak: le nuove sanzioni non influenzeranno il lavoro delle aziende russe

© Sputnik . Michail Metzel/POOL
Economia
URL abbreviato
170
Seguici su

L'ampliamento della lista delle sanzioni degli Stati Uniti richiede studio, ma è improbabile che possa influenzare il lavoro delle aziende russe. Lo ha dichiarato ai giornalisti il ​​ministro russo dell'Energia Alexander Novak.

"Le nostre aziende lavorano in queste condizioni dal 2014, e vediamo che le sanzioni non riguardano le attività delle nostre aziende, creano solo ulteriori problemi per lo sviluppo delle relazioni tra i nostri due paesi e le aziende", ha detto Novak.

Il ministro ha ricordato che da diversi anni le sanzioni impediscono la cooperazione con le compagnie petrolifere e del gas russe in diverse direzioni.

"Le sanzioni ci forniscono ulteriori opportunità per lo sviluppo dell'industria nazionale. Dall'altro lato, le sanzioni sollevano malcontento… Non creano una base per lo sviluppo del mercato, la concorrenza, in contrasto con le norme del WTO, contribuiscono a creare le condizioni per la promozione dei beni e dei servizi delle compagnie di quei paesi che impongono sanzioni", ha concluso Novak, sottolineando che le sanzioni colpiscono prima di tutto coloro che le introducono.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti il ​​venerdì ha annunciato l'introduzione di nuove sanzioni, in particolare contro un certo numero di aziende statali russe. Inoltre, nei prossimi giorni potrebbe essere annunciato l'ampliamento della lista delle sanzioni in conformità con la nuova legge "sulla lotta contro i nemici dell'America" voluta dall'amministrazione Trump.

Correlati:

Governatori tedeschi paragonano le sanzioni antirusse della UE ad un cavallo morto
Mosca: le nuove sanzioni contro la Russia dimostrano l'impotenza degli Stati Uniti
USA allargano le sanzioni antirusse
Tags:
imprese, mercato, sviluppo, Sanzioni, Cooperazione, Alexander Novak, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik