06:30 22 Maggio 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 10°C
    Bandiera svizzera

    Le sanzioni USA contro la Russia hanno fatto saltare affare milionario in Svizzera

    © Sputnik . Valery Melnikov
    Economia
    URL abbreviato
    5122

    Gli Stati Uniti hanno impedito alla Svizzera di vendere 12 navi ad un uomo d'affari estone per i suoi presunti legami con la Russia, scrive il quotidiano svizzero Aargaurer Zeitung.

    Secondo il giornale elvetico, il discorso riguarda la compagnia di navigazione svizzera Enzian Shipping AG, di proprietà dell'investitore Hansjürg Grunder, che possiede quattro navi per il trasporto di sostanze chimiche ed otto navi mercantili. Nel novembre 2016 la società doveva essere venduta all'imprenditore estone Timo Sas e cambiare nome in TS Investor AG.

    Oltre alla compagnia, in gravi difficoltà finanziarie, Sas avrebbe rilevato i debiti delle navi.

    Il governo federale guidato da Johann Schneider-Amman era estremamente interessato a salvare la società navale svizzera. Tuttavia dopo che tutti i documenti pertinenti erano già stati firmati, l'affare è saltato. Secondo il giornale, questa decisione era dovuta ai legami di Sas con la Russia, anche attraverso i conti offshore di Gazpromneft, come emerso dallo scandalo scoppiato attorno ai cosiddetti "Panama Papers". Il giornale rileva che gli Stati Uniti sono intervenuti nell'affare, avvertendo la Svizzera dei legami di Sas, pertanto Berna è stata costretta ad annullare l'accordo.

    Aargaurer Zeitung sostiene che nel caso l'affare con Sas si fosse realizzato, le navi svizzere sarebbero state usate dalla Russia "per aggirare le sanzioni occidentali, trasportare armi in Siria senza sospetti e presumibilmente fare affari con la NATO sui trasporti militari.

    Alla luce di tutto questo il Parlamento svizzero ha dovuto approvare lo stanziamento di 215 milioni di franchi per comprare in tribunale la società fallita nel giugno 2017.

    La Svizzera non ha accesso al mare, ma ha una flotta mercantile. Ha circa 50 navi con marinai perlopiù provenienti dalla Russia e dall'Ucraina.

    Correlati:

    Cancelliere Austria sostiene idea ritiro graduale sanzioni antirusse
    In Europa la domanda di gas russo è da record nonostante le sanzioni
    Esperto: le sanzioni UE contro la Russia sono stupide e miopi
    Capo diplomazia tedesca propone cancellazione graduale delle sanzioni antirusse
    Le sanzioni occidentali non ostacolano i progetti di Gazprom
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Economia, Occidente, sanzioni antirusse, Navi, Gazprom, Timo Sas, Estonia, Svizzera, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik