20:45 18 Gennaio 2018
Roma+ 13°C
Mosca-5°C
    Bandiera dell'Ucraina e dell'UE

    Finite le quote annuali dell'Ucraina per l'export agevolato di prodotti alimentari in UE

    © Sputnik. Pavel Palamarchuk
    Economia
    URL abbreviato
    261

    Le esportazioni non si fermeranno, tuttavia le euroquote non sono chiaramente sufficienti. L'11 gennaio l'Ucraina ha completamente esaurito le quote esenti da dazi doganali per le esportazioni di miele, uva e succo di mela in Europa.

    Lo ha riferito il vice ministro della Politica Agraria Maxim Martynyuk.

    "In data 11 gennaio sono esaurite al 100% le quote preferenziali di esportazione di miele nella UE, anche in considerazione del fatto che il volume complessivo è stato aumentato… Durante i primi dieci giorni di gennaio sono state sfruttate a pieno tutte le quote per le esportazioni di uva e succo di mela (14mila tonnellate)", ha detto il funzionario ucraino.

    Ha inoltre aggiunto che durante i primi dieci giorni di gennaio sono state utilizzate intensamente le quote (25%) dei prodotti avicoli.

    "E' chiaro che le esportazioni di questi prodotti non si fermano, ma continueranno senza agevolazioni: in ogni caso i prodotti ucraini sono competitivi nel mercato europeo anche senza le particolari agevolazioni," — ha detto Martynyuk.

    Ricordiamo che recentemente il ministero dello Sviluppo Economico e del Commercio dell'Ucraina aveva affermato di essere disposto nel prossimo futuro ad impegnarsi in colloqui con i "partner europei" per ottenere ulteriori agevolazioni a beneficio dei produttori ucraini.

    Correlati:

    Il commercio tra Ucraina e Russia nel 2017 è cresciuto più che con l'UE
    Ucraina, a rischio il regime senza visto con l’UE
    Ucraina, Poroshenko: prossimamente referendum per ingresso in UE e NATO
    UE spiega il no all'ultima tranche di 600 milioni di euro a Kiev
    Tags:
    Esportazione, Economia, Commercio, Agricoltura, Associazione con Ucraina, Unione Europea, Maxim Martynyuk, UE, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik